Impiallacciature

Da incisore, 13 Apr 2022.

Risposte 8, Visite 785

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Mer 13 Apr, 2022 21:30 #1
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2727

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Visto che qualche utente mi ha sollecitato a proporlo, ecco quindi un bel tutorial sulla impiallacciatura.



impiallacciatura_1
 
Da plcet Inviato: Gio 14 Apr, 2022 07:33 #2
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Marzo 2012

Messaggi: 2238

Età: 37

Residenza: blank.gif

Regione: Abruzzo

Provincia: Chieti (CH)

Buongiorno Marco....questo si che può interessare, visti i tempi forse nobilitare è rimasta l' unica cosa fattibilie, anche se poi da quanto ne so non è poi così conveniente
 
Da StortinoSesso: Uomo Inviato: Ven 15 Apr, 2022 21:23 #3
 
avatar

Registrato: Settembre 2010

Messaggi: 315

Età: 73

Residenza: italia.png Padova

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Dovè il tutorial?
Io vedo solo una foto.
 
Da albiSesso: Uomo Inviato: Mer 04 Mag, 2022 09:15 #4
 
avatar

Registrato: Marzo 2022

Messaggi: 30

Età: 30

Regione: Emilia Romagna

Provincia: Bologna (BO)

Stortino ha scritto: 
Dovè il tutorial?
Io vedo solo una foto.

Concordo, sarei molto interessato all'argomento!

____________
Alberto

Rerum omnium magister usus (Cesare)

 
Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Mer 04 Mag, 2022 21:57 #5
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2727

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Dunque affronteremo i vari passaggi e le tecniche per impiallacciare un manufatto in legno, vi dico subito che per non annoiarvi, suddivideremo il tutorial in diverse puntate, ma bando alle chiacchere e cominciamo.
Per poter nobilitare una superficie in legno di bassa qualità, si possono adoperare generalmente due tecniche:
la lastronatura o l'impiallacciatura.
La prima consiste nel rivestire una superficie con assicelle di legno nobile (le lastre) aventi uno spessore variabile intorno ai 10 mm, la seconda invece prevede sottili fogli di piallaccio con spessore massimo di 2 mm; tali fogli vengono ottenuti tramite macchinari che sfettano tramite tranciatura la faccia delle assi, questi fogli vengono poi calibrati nello spessore desiderato.
Quelli più comuni sono 6/10 e 20/10, caratteristica di questi tranciati è quella di presentare le venature specchiate
I fogli così ottenuti possono essere tranciati in fogli dalle dimensioni più piccole, in genere strisce con larghezza variabile intorno ai 20 cm max.
Questi fogli possono essere accoppiati di costa anche utilizzando speciali macchine cucitrici che tramite una cucitura a zig-zag li unisce.
Esistono poi, ne ho parlato in un altro post specifico, anche piallacci industriali composti, ovvero realizzati appositamente per l'industria del mobile per poter avere la ripetibilità delle venature.
Ma ora vediamo come possiamo utilizzare i piallacci, infatti possiamo utilizzarli sia per nobilitare un pannello di legno a basso titolo, sia per creare intarsi dagli effetti anche strabilianti, ci sono stati grandi ebanisti del passato che hanno creato vere e proprie opere d'arte con questa tecnica.
In questo primo step spiegheremo come impiallacciare una tavola di abete 3 strati; si tratta del frontone di un cassetto, ma il processo è identico anche per il multistrato o il truciolare o l'MDF.
Dobbiamo tener presente però una cosa: se il pannello da rivestire è di spessore relativamente limitato, è consigliabile rivestire entrambe le facce, per evitare possibili imbarcamenti dovuti alla trazione esercitata dalla colla.
Prima di iniziare dovremo predisporre tutto il necessario:
La tavola da impiallacciare già squadrata a misura
Due tavole dimensionalmente più grandi della precedente e di spessore non inferiore ai 20 mm, perfettamente in piano
Del nastro in carta per mascherature
Un cutter
Un discreto numero di morsetti
Dei fogli di piallaccio in quantità sufficiente a seconda del verso che intendiamo dare alla venatura
Un rifilatore con relativa fresa con cuscinetto o in alternativa una pialla.
Colla vinilica, pennello e rullino; si può utilizzare anche una colla per contatto tipo Bostik, tuttavia dobbiamo tener presente che questo tipo di colla è molto meno gestibile della vinilica e rende impossibile il riposizionamento in caso di errori.
Fogli di giornale.
Un tavolo di lavoro sufficientemente ampio dove poter operare tranquillamente.
Bene, predisposto tutto possiamo iniziare.
Nel caso specifico avremo la parte frontale con le venature verticali, la parte posteriore invece avrà venature orizzontali, quindi dovremo preparare tutte le sezioni di piallaccio, vediamo come.
In base alle dimensioni della tavola da rivestire, andremo a tagliare un certo numero di pezzi di piallaccio in modo da coprire abbondantemente l'area.
Ora formiamo un pacchetto di tutte queste sezioni e le avvolgiamo con un paio di giri di nastro in carta, lasciando scoperte le coste.
Serriamo questo pacchetto tra due tavole e con il rifilatore pareggiamo le coste del primo lato, poi rovesciamo il pacchetto, controlliamo che sia parallelo alle coste delle tavole di riferimento, e rifiliamo anche questo lato.
La stessa operazione si può effettuare anche utilizzando una pialla in vece del rifilatore.
Avremo ora delle tessere perfettamente rettificate sulle coste e quindi accoppiabili.
Affiancheremo le tessere scegliendo l'andamento della venatura che più ci piace e le bloccheremo con delle strisce di nastro in carta, sia verticali che orizzontali, ponendo la massima attenzione affinchè non vi sia aria tra le coste.
A questo punto prendiamo la prima delle due tavole grandi, ci stendiamo un foglio di giornale e il foglio di piallaccio rovesciato, ovvero con il lato senza nastro a vista, quindi stendiamo la colla sia sul piallaccio che sulla tavola da nobilitare, prima con il pennello, poi stendendola bene con il rullino.
Ora posizioniamo con attenzione il pannello sul piallaccio ben centrato e facciamo la stessa operazione con il secondo foglio.
Aiutiamoci con un piccolo listello per premere bene il piallaccio, quindi foglio di giornale, secondo pannello e morsettiamo bene in modo uniforme partendo da un lato e venendo avanti; in questo modo l'aria avrà modo di uscire, quando siamo sicuri, serriamo a fondo.
A 20° in genere dopo 4 ore si può tranquillamente disarmare.
Vedremo il seguito nel prossimo post.

 rifilatura_pezzi
  
pezzi_rifilati
 
 pezzi_accoppiati

 pezzi_ribaltatati_pronti_per_l_incollaggio

 stesura_colla

 pressatura

 pezzo_fuori_pressa_2

 pezzo_fuori_pressa
 
Da plcet Inviato: Gio 05 Mag, 2022 07:35 #6
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Marzo 2012

Messaggi: 2238

Età: 37

Residenza: blank.gif

Regione: Abruzzo

Provincia: Chieti (CH)

oooooooooooooooottimo......prima o poi ci proverò
 
Da albiSesso: Uomo Inviato: Gio 05 Mag, 2022 14:50 #7
 
avatar

Registrato: Marzo 2022

Messaggi: 30

Età: 30

Regione: Emilia Romagna

Provincia: Bologna (BO)

Molto interessante, la lastronatura l'ho fatta senza sapere che si chiamasse così in alcune mensole che ho in casa utilizzando dell'ulivo "resinato".
Dei piallacci son ben contento di imparare qualcosa, difatti non gli ho mai utilizzati perchè mi è sempre sembrato complicato ottenere buoni risultati, inoltre tutti quelli con cui ho parlato di questa tecnica mi dissero che usavano solo colla a contatto quando in realtà @incisore parla anche di colla vinilica (e di conseguenza penso che anche l'alifatica possa andare).

____________
Alberto

Rerum omnium magister usus (Cesare)

 
Da amedeoSesso: Uomo Inviato: Gio 05 Mag, 2022 16:34 #8
Capitano
Capitano
avatar
HomePageGalleria Personale

Registrato: Dicembre 2007

Messaggi: 17327

Età: 62

Residenza: italia.png Dolzago LC

Regione: Lombardia

Provincia: Lecco (LC)

Molto interessante, ma se spezzato in testi più brevi e collegati alle singole foto sarebbe più fruibile.  

____________
Amedeo

"Se riesco a pensarlo, qualche volta riesco anche a farlo".

 
Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Sab 07 Mag, 2022 19:33 #9
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2727

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Ora dovremo rifilare l'eccedenza con un cutter o meglio con un rifilatore dotato di fresa a rifilare con cuscinetto, la stessa che abbiamo utilizzato per pareggiare i pezzi in precedenza.
Quindi ci approcceremo all'incollaggio delle coste.
Prenderemo delle strisce di piallaccio con dimensioni leggermente più grandi della costa e procederemo con lo stesso sistema utilizzato per le facce; in questo caso possiamo avvalerci di un ferro da stiro ben caldo per facilitarci il compito, ovvero dopo aver steso la colla passeremo il ferro caldo sul piallaccio esercitando una certa pressione, questo aiuterà sia l'adesione che la rapida evaporazione della colla.

 incollaggio_coste

A questo punto morsetteremo le parti e attenderemo un'oretta affinchè la presa sia completa.

 pressaggio_coste
 
Ora potremo rifilare le eccedenze e completare il nostro pezzo.
Sarà sufficiente una leggera carteggiata per pulire i bordi ed il nostro pezzo è terminato.
Una leggera carteggiatura con grana 220 su tutta la superficie ed il pezzo è pronto per la finitura.

 pezzo_finito_1651944732_557680

 pezzo_finito_2
 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo