Balsite e Araldite

Da incisore, 10 Mar 2022.

Risposte 5, Visite 1316

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Gio 10 Mar, 2022 15:25 #1
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2823

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Molte volte ci troviamo di fronte al dilemma di cosa sia meglio utilizzare per stuccare e/o ricostruire parti in legno.
Da molti anni esistono dei prodotti specifici dedicati al restauro, che però possono benissimo essere utilizzati in falegnameria.

balsite

____________
Dai diamanti non nasce niente.
www.fosluce.it

Ultima modifica di incisore il Gio 10 Mar, 2022 21:27, modificato 2 volte in totale

 
Da plcet Inviato: Gio 10 Mar, 2022 21:06 #2
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Marzo 2012

Messaggi: 2381

Età: 37

Residenza: blank.gif

Regione: Abruzzo

Provincia: Chieti (CH)

questo si che è un argomento interessante....è sempre un casino stuccare parti in legno, sia in termini di tenuta che purtroppo in termini di verniciatura!!!
Parli di questi due prodotti in modo importante, ma la domanda è?!?!? Sono tinti?? Possono essere tinti?!?!? Attendiamo il seguito del topic    
 
Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Gio 10 Mar, 2022 21:25 #3
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2823

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

"volendo è possibile colorarli in fase di impasto con delle terre."

La Balsite si presenta di colore rosa pallido, mentre l'Araldite è color nocciola.
Come tutti gli stucchi sarebbe buona norma prepararli di un colore che si avvicini il più possibile al tono finale che avrà il mobile, in quanto comunque hanno assorbenza diversa rispetto al legno; solo il gesso si può mordenzare efficacemente dopo, e il gesso è sempre un valido stucco anche se soggetto a ritiro e distacco, specialmente se utilizzato in alti spessori.
E' veramente impressionante la durezza che raggiungono, ho una pentolina inox dove in genere preparo le resine, mi sono dimenticato di pulirla dopo l'ultima volta e i residui rimasti si tolgono solo con martello e scalpello!
Avremo modo di vedere il loro utilizzo pratico in un prossimo post che pubblicherò relativo ad un intervento che sto facendo in questi giorni.

____________
Dai diamanti non nasce niente.
www.fosluce.it

 
Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Gio 10 Mar, 2022 21:28 #4
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2823

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Esistono stucchi in pasta di legno realizzati in dispersione acquosa, oleosa o a solvente, sono abbastanza validi e garantiscono una discreta tenuta su piccole riparazioni quali fori di tarlo, scheggiature o piccole crepe; tuttavia non garantiscono una tenuta nel tempo particolarmente affidabile, infatti, in certi casi, potrebbero dare oggetto a fessurazioni o distacchi, inoltre non sono molto duri, hanno il vantaggio di essere proposti in molti colori semplificando il lavoro.
Esiste sempre la classica soluzione fai-da-te di impastare polvere di legno con un legante affidabile, quale colla vinilica o resina epossidica; tuttavia alcune specie legnose ridotte in polvere e miscelate con i suddetti leganti, virano il loro colore in modo significativo rendendone problematico il loro utilizzo.
C'è lo stucco bicomponente poliestere che è molto valido, ma anche questo soffre della stessa malattia degli altri sopra menzionati, potrebbe fessurarsi con il tempo avendo dilatazioni diverse.
Vi sono poi due prodotti a base epossidica molto efficaci: la Balsite e l'Araldite.
Sono prodotti professionali dal costo elevato ma indubbiamente dalle caratteristiche notevoli.
Prima di tutto sono prodotti epossidici e non poliestere, quindi hanno proprietà adesive che il poliestere non possiede, quindi possono essere utilizzati anche per incollare tenacemente parti riempiendo le parti mancanti (più l'Araldite che la Balsite).
Hanno tempi di indurimento variabile, lungo la Balsite (30h), breve l'Araldite (20 min), ma entrambi una volta induriti sono duri come la pietra anche se perfettamente lavorabili come fossero legno.
La Balsite è più elastica e si presta molto bene alla ricostruzione di parti anche ampie.
I prodotti succitati li potete trovare presso la CTS; la Balsite costa meno dell'Araldite, si trovano in barattoli da 1Kg( uno per il prodotto e uno per il catalizzatore) sono prodotti in pasta, volendo è possibile colorarli in fase di impasto con delle terre.
Attenzione che in genere se ne preparano 5/6 g per volta, nel senso che pesano poco rispetto al volume.

____________
Dai diamanti non nasce niente.
www.fosluce.it

 
Da domenico40Sesso: Uomo Inviato: Gio 24 Mar, 2022 07:17 #5
 
avatar

Registrato: Gennaio 2011

Messaggi: 291

Età: 54

Residenza: italia.png Rutigliano

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Ritieni che possano essere usati anche per correggere errori di costruzione di un manufatto che dovrà essere successivamente colorato e finito?
 
Da incisoreSesso: Uomo Inviato: Gio 24 Mar, 2022 13:47 #6
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
HomePage

Registrato: Luglio 2015

Messaggi: 2823

Età: 62

Residenza: italia.png Selvazzano Dentro

Regione: Veneto

Provincia: Padova (PD)

Finora io l'ho utilizzato in tal senso, sia come ricostruttivo che come stucco.

____________
Dai diamanti non nasce niente.
www.fosluce.it

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo