Scatolina Con Coperchio Che Balla

Da pupi64, 08 Feb 2016.

Risposte 3, Visite 1669

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da pupi64Sesso: Uomo Inviato: Lun 08 Feb, 2016 10:37 #1
 
avatar

Registrato: Novembre 2014

Messaggi: 51

Età: 56

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Torino (TO)

Ciao a tutti,
ieri ho tornito una scatolina con coperchio con un legno che avevo in cantina da parecchi anni (non so che legno sia   ).

La lavorazione finale era anche di buona fattura, ma mi è capitata una cosa strana.
Dopo aver scavato il coperchio e la scatola, ho riunito i due pezzi per raccordare i bordi e finire la parte superiore del coperchio.
I due pezzi si incastravano forzando leggermente, quindi le dimensioni erano state calcolate correttamente.
Però dopo aver finito di lavorare il coperchio, durante la fase di carteggiatura esterna, mi sono accorto che quest'ultimo si "sfilava" dalla scatola con molta facilità, quasi si fosse allargato...

A lavoro ultimato, il coperchio risulta essere veramente troppo "giusto", cioè si sfila senza fare sforzo...
volevo chiedere a voi cosa potrebbe essere successo, e dove eventualmente potrei aver commesso un errore.
Premetto che i due pezzi prima della lavorazione assieme si incastravano a forza e che avevo già ripassato con carta vetro.
Si può fare qualcosa per rimediare a questo inconveniente, o devo tenere la scatola così com'è?

 Grazie in anticipo per i consigli.

____________
Paolo

 
Da CeccoSesso: Uomo Inviato: Lun 08 Feb, 2016 13:52 #2
 
avatar

Registrato: Dicembre 2009

Messaggi: 1489

Età: 61

Residenza: blank.gif Canino

Regione: Lazio

Provincia: Viterbo (VT)

Perdita di umidità,Paolo.
Quello è il problema.
Il legno,in cantina,aveva probabilmente acquistato un suo equilibrio con una certa percentuale di umidità.
Durante la lavorazione e,ancor di più,con la carteggiatura,hai prodotto calore che ha accelerato l'evaporazione e quindi il restringimento;più marcato là dove c'è minor quantità di legno.
In genere,sarebbe bene "ambientare" il legno da lavorare in laboratorio,per almeno una decina di giorni.
E,potendo,misurare con apposito strumento l'umidità presente nel legno.
 
Da pupi64Sesso: Uomo Inviato: Lun 08 Feb, 2016 14:04 #3
 
avatar

Registrato: Novembre 2014

Messaggi: 51

Età: 56

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Torino (TO)

ecco non avevo pensato che il legno è vivo... e che risente degli ambienti...
Quindi la prossima volta mi consigli di "ambientarlo" una decina di giorni, farò così  

Purtroppo non ho lo strumento (che peraltro non sapevo esistesse)...
Ma eventualmente per evitare sorprese, potrei fare le dimensioni del coperchio più "strette", cioè fare in modo che entri forzando maggiormente, oppure è una cavolata?

Grazie per la risposta!

____________
Paolo

 
Da CeccoSesso: Uomo Inviato: Lun 08 Feb, 2016 17:55 #4
 
avatar

Registrato: Dicembre 2009

Messaggi: 1489

Età: 61

Residenza: blank.gif Canino

Regione: Lazio

Provincia: Viterbo (VT)

Lo strumento di cui parlo è questo ( solo un esempio):
http://www.amazon.it/dp/B00JKL1H2K/...hvnetw=g&hvqmt=


Se cerchi con "igrometro per legno" ne troverai di tutti i tipi e prezzi; se decidi di acquistarlo,stai su modelli base ( non spendere oltre i 30 euro,per darti un'idea): per le indicazioni di massima che a noi interessano,vanno bene

Forzare la chiusura non è una buona idea: difficile centrare la "quantità di forzatura" e inoltre potresti creare una rottura.
 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo