Kell N°1 Honing Guide - Tips&Tricks

trucchiamanuensiI Tips&Tricks dell'Arca - L'Arte degli Amanuensi

Kell n°1 Honing Guide - Tips&Tricks
Info generali

  • Autori :



  • Data : 31/01/2010


  • Principali Materiali ed Attrezzature impiegate :

    Gli attrezzi utilizzati

    • Kell n°1 Honing Guide


Introduzione

La guida per affilatura Kell n° 1

album_pic


già da un pò sul mercato, è davvero un'ottimo attrezzo, ben fatto, utilissimo laddove serva serrare lame di tipo stretto, ed altre guide di tipologia costruttiva diversa (quali la Veritas MkII, insostituibile con lame "normali", sia dritte che skewed) non vanno bene.

La guida serra ottimamente lame sia di media larghezza (fino ad 1") che di tipo stretto, grazie anche agli anelli in materiale plastico trasparente

album_pic


che andranno a contatto con la lama da serrare, e che generano un ottimo "grip" con i bordi della stessa.



Montaggio standard della lama

L'uso "standard" della guida prevede il montaggio della lama con il fondo posto "al di sotto"

album_pic

La lama della Apron Veritas montata sulla Kell


dei rods di cui è dotata la guida stessa, e la stessa Kell fornisce, nel foglietto di istruzioni allegato alla confezione, il valore della protusione della lama dalla guida, in pollici e millimetri, per ottenere i relativi angoli di affilatura, scelti fra i più comuni.


In questa tabella

album_pic

La tabella relativa al montaggio "standard" delle lame sulla guida


abbiamo riprodotto i valori di protusione e corrispondente angolo d'affilatura riportati nel foglietto delle istruzioni accluso alla guida stessa.


Infatti, scegliendo un angolo di affilatura pari a 25°, dalla tabella ricaviamo una protusione della lama pari a 16 mm.

album_pic


misurata a partire dal bordo del "rods" in acciaio.

Se andiamo a controllare con un "bevel box", una volta azzerato lo stesso

album_pic


notiamo come il valore dell'angolo risultante

album_pic


sia coincidente con quanto riportato in tabella.


I problemi sorgono quando si voglia affilare una lama con estremità più larga del corpo, come per esempio la lama delle shoulder.

Qui

album_pic


la lama della nuova Small Shoulder della Veritas.


In alcuni casi, come in questo, il montaggio in maniera "canonica" della lama sulla guida non porterebbe molto lontano.

Infatti, per assicurare un serraggio ottimale della lama, la stessa dovrebbe essere serrata nella guida nella sua parte più stretta

album_pic


Ora, dalla tabella, notiamo che bisognerebbe impostare una protusione pari a 16 mm. per avere un angolo pari a 25°.
Ma la minima protusione che possiamo ottenere, data la forma costruttiva della lama, è pari a 23.5 mm.

album_pic


a cui corrisponde un angolo pari a 16.7°


Decisamente troppo poco ...


Problema irrisolvibile ?
Forse no.


Ci son due strade per aggirare l'ostacolo.

Una prevede il montaggio della lama in maniera "canonica" serrandola nella sua parte più larga, ma così facendo, e soprattutto per l'entità della protusione richiesta, la lama verrebbe serrata in maniera non ottimale.

L'altra, e della quale ci occupiamo in questa sede, prevederà il montaggio della lama in maniera "differente".



Montaggio non standard della lama

La lama, in questo caso, viene montata al disopra degli slots

album_pic


ovviamente rifacendo la tabella originale, i cui valori saranno ora inutilizzabili.


Facendo andare a battuta le rotelle esterne in plastica della guida

album_pic


sui bordi di un supporto di qualsiasi tipo, spesso circa 1 cm (in questo caso vetro, ma potete usare anche legno, plastica ...), e sostenendo dall'altra parte la lama con un supporto di spessore uguale al primo, procedendo per tentativi si può stilare una nuova tabella (sulla falsariga di quella originale) che riporti le varie protusioni con i corrispondenti angoli ottenuti.
Questa volta la protusione verrà presa prendendo la misura dal bordo della rotella in plastica (in pratica facciamo andare a battuta il righello con la rotella in plastica).

Impostando, come nella foto, una protusione pari a 29,5 mm., a questa corrisponderà un angolo di affilatura pari a circa 25°

album_pic



Questi, come già accennato, sono valori che abbiamo ricavato per via sperimentale, impostando diverse distanze e controllando l'angolo risultante.


In tale maniera potremo stilare una nuova tabella

album_pic


sulla falsariga di quella originale.


Considerazioni sulla geometria di montaggio della lama

Nell'ipotesi di montaggio "non canonico", il fatto che la lama si venga a trovare al di sopra del centro di rotazione della guida, rende la misura iniziale della "protusione" dipendente dallo spessore della lama.


Infatti, se osserviamo la figura seguente

album_pic


alla fine del processo di affilatura, la lunghezza reale che avremo impostato sarà D', ossia la misura che avevamo impostato meno C.
E questo si rifletterà sull'angolo finale, che risulterà sballato rispetto a quanto avevamo "creduto" di impostare.

Questo problema affligge, più o meno, tutte le guide con montaggio al di sopra del centro di rotazione.

L'Eclipse anche soffre di ciò (perciò si vedono molti jig per questa guida con doppio settaggio, per lame e scalpelli ... )

E la La Veritas MK2 ?
Per come la guida è costruita, pur essendo il montaggio della lama al di sopra del centro di rotazione, non si verifica tale fenomeno.

Infatti il metodo di aggancio della lama permette che il retro della stessa, che in pratica prendiamo come riferimento per impostarne la protusione, resti sempre solidale con la parte superiore della guida, che è a distanza fissa dal centro di rotazione.

Ma se anche ciò non fosse, avendo la lama distanza maggiore dal centro di rotazione rispetto alle altre guide, ha anche protusione maggiore a parità di angolo impostato, per cui, avendone per esempio settato l'entità per uno spessore di lama medio, la differenza della protusione stessa per lame di diverso spessore diventerebbe alla fine trascurabile, o di entità tale da non apportare significativi "sballi" sull'angolo finale.

Invece per guide come la Kell (montaggio non canonico) e l'Eclipse, la vicinanza della lama al centro di rotazione porta a protusioni minori, per cui gli errori diventano significativi.

La tabella postata precedentemente si riferiva ad uno spessore di lama "medio", e quindi è corretta per valori di spessore "limitrofi".


Possiamo allora costruirci una tabella per valori di spessore "0", e poi stilare altre tabelle con valori protusione che tengano conto dello spessore della lama.


Per effettuare le misurazioni, abbiamo incollato con del biadesivo un righello su un pezzo di multistrato

album_pic


preventivamente squadrato, e badando che lo "0" del righello coincidesse perfettamente con il bordo del multistrato stesso.


I valori di protusione relativi allo spessore "0", ossia D', e che andranno trovati per tentativi, son quelli che impostiamo quando montiamo un righello (o una lamina piatta) al posto della lama, e li impostiamo in maniera tale da ottenere l'angolo finale di affilatura.


Per esempio, impostando una protusione pari a 21.5 mm.

album_pic


album_pic


dopo aver azzerato il bevel box

album_pic


possiamo misurare l'angolo ottenuto, notando che lo stesso sarà pari a circa 25°

album_pic



Questo, ripetiamo, per lo spessore "0".


E per gli altri spessori ?

Dovremo ricavare l'entità della misura "C".


Tenendo presente che


  • "a" è l'angolo di affilatura
  • "A" è lo spessore della lama
  • "b" = 90°
  • "c" = (90° - "a")


e ricorrendo al teorema di Eulero

A/sin(a) = B/sin(b) = C/sin(c)


dopo qualche breve passaggio trigonometrico otterremo che:


C = A/tg(a)



Questa quantità dovrà essere sommata alla misura D' per ottenere il reale valore di protusione da impostare per il corretto angolo di affilatura alla fine della stessa.


Qui abbiamo riportato, dopo averle calcolate col metodo descritto, le protusioni reali da impostare per spessori di lama pari a 2, 2.5, 3, 3.5, 4 mm.

album_pic



In pratica, per impostare il corretto angolo, si misura lo spessore della lama, si entra sulla tabella, e si ricava il valore di protusione corrispondente ai valori dell'angolo scelto e dello spessore della lama.


Se il valore dello spessore non coincidesse con quelli riportati in tabella, si sceglie quello che più si avvicina, oppure si costruisce, in qualche minuto (il tempo di effettuare pochi calcoli con una calcolatrice), la tabella relativa a quello spessore.



Note Finali

Con questo piccolo trucco possiamo estendere agevolmente e soprattutto, per chi possiede una Kell, a costo "quasi" 0, il campo d'impiego di queste ottime guide.


by ArcaDiLegno - 2010


Visitatore - Dom 31 Gen, 2010 08:52 Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento

 

Tutti i contenuti di questo sito, ove non diversamente indicato, sono coperti da licenza Creative Commons.

cc_88x31