UTILIZZARE GLI SCALPELLI

Da jhl-verona, 21 Feb 2019.

Risposte 46, Visite 5094

Vai a Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Lun 25 Feb, 2019 11:21 #16
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 150

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

zoki4691 ha scritto: 
robiwiller ha scritto: 
Lettori buon giorno.

Carissimo John, ti mostro quanto fatto:
ho effettuato qualche taglio di alleggerimento;

 
dopo di che ho iniziato, utilizzando lo scalpello perpendicolarmente alla superficie della tavoletta, qui credo di aver commesso il primo errore, ho esagerato con gli spessori asportati e nel traverso vena si sono strappate grossolanamente le fibre. Probabilmente anche la qualità/consistenza del legno non è il massimo, è molto spugnoso.

 
Sul lungo vena, il legno molto morbido, si taglia come il burro senza problemi.

 
Qui ho applicato la tecnica del tenting.

 
Poi ho pareggiato con lo scalpello largo, cercando di portare in piano la superfice.

 
E qui mi sono fermato.

 
Una delle prime considerazioni, a parer mio, è che l’arte dell’amanuense presuppone un approccio mentale, completamente diverso dall’uso delle macchine.
Le operazioni da meccaniche devono diventare un'armonia di movimenti, che parte dalla visione che ti si forma nella mente e che devi trasformare in manualità artistica, per ottenere il risultato prefissato.

Virtù necessarie: pazienza, calma, precisione e naturalmente scalpelli affilati.

Ho fatto molti errori, primo fra tutti la fretta, ma credo di aver già capito come correggerne alcuni.

Continuerò, per fare esperienza, sul pezzo iniziale, ma ho intenzione di effettuare lo stesso esercizio su altre essenze, per rendermi conto delle differenze di taglio su altri tipi di legno e per cercare di migliorare gli errori fatti.

Ora lascio la parola al mio Senior.

Tutto questo serve anche x uso dei macchinari...  

Scusa?
Verbo " tenting ",  cosa e?


E' una tecnica descritta da John, (vedi sopra).

 img_016_008

Questa tecnica viene chiamato 'tenting' da David Charlesworth - literalmente 'fare una tenda'. Vedremo un altro esempio quando facciamo la scanalatura. A questo punto ho il registro del lato tagliato, e porto il resto in piano con quello.

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Lun 25 Feb, 2019 20:14 #17
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Aggiungo i miei commenti alla tua documentazione.

robiwiller ha scritto: 
Lettori buon giorno.

Carissimo John, ti mostro quanto fatto:
ho effettuato qualche taglio di alleggerimento;

 img_016_002


Forse non mi ero spiegato bene. I tagli di fermo o alleggerimento sono per la sega, non per lo scalpello. Infatti sulla curva superiore non sono affatto necessario. Per quella curva ho fatto due tagli lineare (ovviamente) con la dozuki (sega giapponese per lavori di fino). Per la doppia curva ho fatto due tagli, a forma di V, ma aggiustando l'angolo fra un taglio di fermo ed un altro.

robiwiller ha scritto: 
dopo di che ho iniziato, utilizzando lo scalpello perpendicolarmente alla superficie della tavoletta, qui credo di aver commesso il primo errore, ho esagerato con gli spessori asportati e nel traverso vena si sono strappate grossolanamente le fibre. Probabilmente anche la qualità/consistenza del legno non è il massimo, è molto spugnoso.

 img_016_003_1551082677_497471


Si era un errore, e si sicuramente hai dovuto faticare troppo, e su legni teneri il risultato è quasi sempre uno strappo. Su legni duri non saresti riuscito a tagliarlo a fatto. Nelle miei foto c'erano anche i trucioli, mi limitavo a tagliare al massimo un millimetro alla volta. Ma io avevo già sgrossato prima con la sega.

Paolonia è un legno usato dai falegnami giapponese, e per fare rotoli di carta igenica con le loro kanne (c'è una gara dove piallano un listello di 10cm e lungo 2 o 3 m, facendo uno solo truciolo molto fine e ovviamente molto largo e lungo). Ma conosciendo i brico di turno, non è detto che è veramente paolonia. Da me vendono 'mogano'!  

robiwiller ha scritto: 
Sul lungo vena, il legno molto morbido, si taglia come il burro senza problemi.

<snip>

Poi ho pareggiato con lo scalpello largo, cercando di portare in piano la superfice.

 img_016_006

E qui mi sono fermato.

Mi sembra che hai fatto veramente un ottimo risultato, specialmente dato che era probabilmente la prima volta che avresti usato uno scalpello in questo modo. Puoi migliorare l'incrocio delle due curve tagliando prima in una direzione e poi nel altro, cioè primo 'in fondo' della prima curva, e poi 'in fondo' della seconda. Un piccolo spinto, o meglio, fai osclilare leggermente lo scalpello un 5-10 gradi a sinistra e destra, con quasi nessuna pressione. Così puoi anche migliorare (ma non nascondere completamente) quel taglio troppo profondo a un millimetro dal incrocio delle curve.

robiwiller ha scritto: 
img_016_007


Non male. Una piccola critica di estetica - le curve sono troppo corte. Dovrebberano terminare a circa 2/3 della larghezza e lunghezza, mentre le tue si fermano a mezza strada. Ai miei occhi sembra un pò goffa come forma, o per meglio dire, poco fluido.Ma dato che stiamo faccendo un esercizio di tecnica e non di bellezza, non cambia il risultato fatto.

robiwiller ha scritto: 
[align=justify]Una delle prime considerazioni, a parer mio, è che l’arte dell’amanuense presuppone un approccio mentale, completamente diverso dall’uso delle macchine.
Le operazioni da meccaniche devono diventare un'armonia di movimenti, che parte dalla visione che ti si forma nella mente e che devi trasformare in manualità artistica, per ottenere il risultato prefissato.

Virtù necessarie: pazienza, calma, precisione e naturalmente scalpelli affilati.

Ho fatto molti errori, primo fra tutti la fretta, ma credo di aver già capito come correggerne alcuni.

Molto interessante le tue osservazioni. E' solo dagli errori (e la capacità di ammettere la colpevolezza) che una persona progredisce. Quindi en vengono questi errori, così per il prossimo progetto staremo più attenti - e magari faremo altri (ma nuovi) errori!

Lavorando quasi esclusivamente con le mani, il tempo si dilata in maniera incredibile. Penso di aver fatto 30 minuti di lavoro, ma sono passati 90. Per me personalmente, il viaggio è quasi più importante della destinazione.

robiwiller ha scritto: 
Continuerò, per fare esperienza, sul pezzo iniziale, ma ho intenzione di effettuare lo stesso esercizio su altre essenze, per rendermi conto delle differenze di taglio su altri tipi di legno e per cercare di migliorare gli errori fatti.

Vedo che non riesco a spegnere questo tuo entusiasmo!    Prima avevi parlato di una tavola di noce - quello sarebbe un ottima scelta per ripetere l'esercizio con un legno duro. Credo che troverai che lo scalpello - ed anche tu - lavora in modo molto diverso.

robiwiller ha scritto: 
Ora lascio la parola al mio Senior.


Allora, visto il progresso fatto con le curve, procediamo con la scanalatura.

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Lun 25 Feb, 2019 20:19 #18
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

zoki4691 ha scritto: 
Verbo " tenting ",  cosa e?

In realtà non c'è un verbo 'to tent' in inglese. L'operazione descrive un modo di lavorare che assomiglia (se hai bevuto sufficiente birre) ad una tenda da campeggio. Prima si fa un bisello seguendo la tracciatura, quindi con meno fatica e più precisione che tagliare tutta la larghezza della tavola. Poi si porta in piano. Le foto del prossimo esercizio spiegherà tutto, molto meglio delle mie parole.

John
GianlucaF ha scritto: 
...e fa diventare anche poeti...

Artisti, scultori, poeti, e magari anche filosofi.  

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Mar 26 Feb, 2019 11:42 #19
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 150

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

Buon giorno.

Ciao John, ho letto le tue osservazioni e le condivido totalmente   .
In attesa del prossimo step, ho rifatto il disegno, guarda se esteticamente è più accettabile.

 immagine_01


Se va bene lo riporterò sulle tavolette, provo ancora con la Paulownia e ne aggiungo una di Larice e una di Noce.

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 26 Feb, 2019 19:32 #20
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

robiwiller ha scritto: 
Buon giorno.

In attesa del prossimo step, ho rifatto il disegno, guarda se esteticamente è più accettabile.

 
Se va bene lo riporterò sulle tavolette, provo ancora con la Paulownia e ne aggiungo una di Larice e una di Noce.

Va più che bene, anzi ho copiato il disegno e messo nella prima pagina di questo thread. Avanti così! Tre essenze diverse? Chapeau!

John

____________
Più imparo, più dubito.

Ultima modifica di lapin il Mar 26 Feb, 2019 19:59, modificato 1 volta in totale

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 26 Feb, 2019 20:58 #21
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Il secondo esercizio sarà di creare una scanalatura usando solo lo scalpello. Questo non è il modo più efficace di creare una scanalatura amanuense - ma propone tre diverse modi di usare lo scalpello. Il primo è fare uno scavo, simile al uso di un bedano. Il secondo è rimuovere materiale in modo sicuro con il bisello in giù, e infine spianare il fondo aperto usando il dorso.

La prima cosa da fare è dare una rinfrescatina ai nostri scalpelli. Cinque o dieci passi sul dorso e bisello, grana 1000 e 5000. Tempo totale 1 minuto per entrambi. Poi ho asciugato gli scalpelli e stroffinato con un straccio imbevuto di olio. Qualche volta è meno dispendioso riaffilare spesso ma leggero che aspettare finchè non è necessario fare una riaffilatura 'seria'.

20190223_120921


Il primo lavoro è di cominciare lo scavo seguendo le tracciature di entrambi i bordi. Meglio uno scalpello largo per ridure il lavoro, fra gli due scalpelli che sto usando per l'esercizio - il 18mm e 26mm, ho usato il 26mm. Per portare lo scalpello in posizione, lo appoggio vicino alla linea e poi lo faccio 'camminare' alla linea, ruotando lo scalpello prima da un lato e poi dal altro.

20190223_121045

 20190223_121056


Posizionato bene, ho usato il mazzuolo (anche un martello di poco peso va bene) per fare un piccolo taglio di circa mezzo millimetro di profondità. Da questo punto sposto lo scalpello lungo la linea, mantendeno un terzo della lama nello solco appena prodotto, così per mantenere la linearità.

20190223_121837


Completato la linea, rimuove una piccola fetta di legno.

20190223_121951


A questo punto ho delineato entrambi i lati della scanalatura.

20190223_122039


Da qui in poi devo semplicemente ripetere l'operazione finchè non arrivo alla profondità stabilito (6mm nel mio caso).

Spero che non sto faccendo sbadigliare tutti, ma qualche volta le operazioni possono essere repetetivi. Dico repetetivi. Oppura si ripetano. E' Anche possibile che ti trovi a fare la stessa cosa più di una volta.

 
20190223_123503


Terza iterazione a sinistra, quarta a destra. Vuoi che lo ripeto?

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 26 Feb, 2019 21:33 #22
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Lo scalpello ha un piccolo difetto faccendo questo tipo di taglio - e no, non sono io il difetto. Funzione come un cuneo assimetrico. Se metti lo scalpello perfettamente perpendicolare al legno, quando dai un colpo col mazzuola, non scenderà perfettamente dritto. La resistenza del legno sul bisello farà che scende ad un angolo più o meno la metà del angolo del bisello stesso (undercut in inglese). Quindi e facile trovare una specie di coda di rondine, invece di due lati perpendicolari.

Per compensare questa carateristica, ci sono due soluzioni (quando è importante per il risultato) ed io uso entrambi. La prima è di rimuovere il legno dove deve passare il bisello, rimuovendo quella fetta di legno ad ogni passaggio, per ridurre la resistenza. La seconda è di tenere lo scalpello (lato dorso) a qualche grado in meno del 90°.

Ovviamente man mano che aumento la profondità, si aumenta la quantità di 'fetta' da rimuovere. Ad un certo punto, ho dovuto usare il 18mm invece del 26mm, e più avanti anche solo parte di quello per rimuovere la fetta.

20190223_130958


Comunque, dopo qualche iterazione (ho perso conto ma fra 7 e 10 circa) sono arrivato alla profondità richiesta.

20190223_131148


Nonostante tutte le repetizioni, anche il muro dello scavo è abbastanza pulito. Ed è per questo che preferisco scendere un poco alla volta, invece di martellare più forte.

20190223_131206


John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 26 Feb, 2019 22:00 #23
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Adesso devo asportare la parte centrale per completare lo scanalatura. La regola più importante qui è di tagliare sempre verso il corpo del legno, se fai l'inverso rischi di strappare le fibre sotto lo scalpello - tanto sono già tagliati dai muri. Quindi sempre dal esterno verso l'interno.

20190223_131300


L'operazione va fatto sempre a piccole fette, fino ad arrivare alla profondità voluto.

20190223_131531


Credo che qui si vede bene perchè David Charlesworth lo chiama 'tenting', effettivamente, senza la'usilio di alcol, assomiglia ad una ... tenda di campeggio.

Per proseguire nel asporto bisogna girare lo scalpello ed usarlo bisello in giù. Praticamente stiamo piallando senza avere un corpo metallico che tiene la lama.

20190223_131711


Il vantaggio di questa tecnica è che tendenzialmente fa una curva, quindi se spingi con troppo entusiasmo tende di uscire dal legno. Dorso in giù tenderebbe ad entrare ancora di più nel legno, con il rischio di andare sotto la profondità desiderato.

Se la lama si ferma, non provare a dare un spintone. Sicuramente il taglio è troppo profondo, e rischi di strappare le fibre. Ritiri lo scalpello e fai un taglio più leggero.

  20190223_142734  


Come si vede qui sopra, ho deliberatamente fatto dei tagli troppo profondo che hanno strappato le fibre. Sono il senior, no? Mica che faccio errori, io!

Un altro vantaggio del sistema 'tenting' è che hai sempre un chiaro indicazione della profondità raggiunta sia a sinistra che a destra, come se vede chiaramente nella foto sopra. Ho ancora del lavoro da fare in centro della lunghezza.

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 26 Feb, 2019 22:20 #24
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Sono quasi arrivati in fondo, probabilmente rimane meno di mezzo millimetro da asportare.

20190223_143104


Almeno per questo esercizio - per una scanalatura vero probabilmente mi fermerei qui, e sufficiente perchè la colla aggrappa bene. Ma questo è un esercizio e devo produrre uno superficio liscio, ed alla profondità richiesta.

Quindi giro di nuovo lo scalpello, adesso dorso in giù, e parto sempre dal esterno, usando i lati come riferimento.

20190223_143306


Per evitare che lo scalpello si impunta, e quindi va sotto la profondità richiesta, faccio tagli veramente minime. Tanta pressione del pollice sulla lama, ma ben indietro dal tagliente.

20190223_143359


Bene. Una mezz'oretta (tempo di foto escluso) che per me era anche divertimento, ed i risultati sono questi.

20190223_143906

 20190223_144045

 20190223_144157

 20190223_144210


John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 27 Feb, 2019 09:53 #25
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15177

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Sinceramente mi vengono i brividi a vedere questi lavori di pazienza e precisione. Mi sembrano più lavori di intaglio che di falegnameria

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mer 27 Feb, 2019 11:43 #26
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 333

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Ciao John, vi seguo e presto spero di eseguire l'esercizio. Una domanda: ma il tuo scalpello ha un back bevel?
 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mer 27 Feb, 2019 19:46 #27
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6344

Età: 60

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

lapin ha scritto: 
Sinceramente mi vengono i brividi a vedere questi lavori di pazienza e precisione. Mi sembrano più lavori di intaglio che di falegnameria

Già. Comunque non è la tecnica giusta per fare uno scanalatura - è solo un esercizio 'per solo scalpello'. Penso che, prima della fresatrice, l'intarsio forse fatto proprio così.

GianlucaF ha scritto: 
Ciao John, vi seguo e presto spero di eseguire l'esercizio. Una domanda: ma il tuo scalpello ha un back bevel?

Bravo Gianluca. Puoi sempre postare i tuoi risultati qui e proveremo a dare qualche dritta. No non c'è un back bevel (cioè bisello anche sul dorso) non ho mai sentito l'utilizzo con uno scalpello. Con una lama della pialla si, ma scalpello no.
Se ti sembrava così dalle ultime due foto, sappi che la zona scura vicino al tagliente e il riflesso del muro della scanalatura.

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mer 27 Feb, 2019 22:02 #28
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 333

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

jhl-verona ha scritto: 
No non c'è un back bevel (cioè bisello anche sul dorso) non ho mai sentito l'utilizzo con uno scalpello. Con una lama della pialla si, ma scalpello no.
Se ti sembrava così dalle ultime due foto, sappi che la zona scura vicino al tagliente e il riflesso del muro della scanalatura.
John


Ok mi son fatto ingannare dall'ombra. Sapevo che il backbevel fosse inadeguato agli scalpelli, ma l'ombra mi ha tratto in inganno e anche il discorso del taglio che procede a cuneo...pensavo, erroneamente, che avendo un bisello con un leggero backbevel potesse correggere l'angolo di penetrazione della lama nei tagli verticali per le pareti degli scassi, siano essi mortase, code di rondine, scanalature ecc. Ragionamento del tutto sbagliato  
 
Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Lun 04 Mar, 2019 00:11 #29
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 150

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

Buona sera a tutti.

Ciao John settimana impegnata, pensavo di fare di più nel weekend ma la pialla mi ha abbandonato, sono rimasto a piedi con i coltelli. Ho colto l’occasione della sostituzione per fare un po’ di manutenzione. Qualcosa ho comunque fatto, metto qualche foto per documentare l’avanzamento.

Per prima cosa ho tracciato lo scasso

 img_016_008_1551653867_887178

 Poi ho iniziato ad affondare con lo scalpello

 img_016_009

 img_016_010

Dopo di che ho allargato con una inclinazione di circa 45°

 img_016_011

Procedendo alternando le due operazioni, di seguito qualche dettaglio in sequenza

 img_016_012

 img_016_013

 img_016_014

 img_016_015

 img_016_016  

E qui mi sono fermato

 img_016_017

Appena possibile cercherò di completare il secondo step.

Al prossimo aggiornamento

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 
Da robiwillerSesso: Uomo Inviato: Ven 08 Mar, 2019 10:31 #30
 
avatar

Registrato: Febbraio 2016

Messaggi: 150

Età: 60

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria (AL)

Buon giorno.

Ciao John tutto ok? Ieri sera ho cercato di completare il secondo step, ti faccio vedere cosa ho fatto.
Dopo aver completato lo sfondamento sui due lati lunghi, sono passato a lavorare sui fianchi.
In rosso quelli che secondo me sono punti da migliorare.

 img_1807

 img_1808

 img_1809

Fatto i fianchi ho asportato la parte centrale

 img_1810

Come potrai vedere nella successiva foto di dettaglio, ho cerchiato in blu la zona in cui il legno è molto spugnoso, sembra sughero, anzi il sughero è più compatto e si taglia meglio (qui notiamo la qualità del legno acquistato al brico di turno). In questi punti ho avuto molta difficoltà a tagliare. Nella zona cerchiata di verde il legno è un po’ più compatto e il risultato e leggermente meglio sia sulla base che sui fianchi della scanalatura.


 img_1811

Di seguito la verifica della planarità.

 img_1812

Durante queste primi passaggi mi sono reso conto di quanto sia importante avere la giusta posizione del pezzo rispetto alla postura del corpo, per dare una buona scalpellata. Inoltre non avendo ancora un banco attrezzato nel modo corretto, anche il bloccaggio del pezzo non è dei migliori. Lascio perdere ulteriori commenti sulla qualità della tavoletta di legno su cui sto facendo la mia prima esperienza di scalpellatore. Sono sicuro che quando utilizzerò del legno e non una spugna, sicuramente farò ancora errori ma il risultato sarà migliore.

Attendo i tuoi commenti sul lavoro svolto e il prossimo step.

____________
Saluti
Roberto

"Sono nato nelle praterie, dove il vento soffia libero e non c'è nulla che ferma la luce del sole. Sono nato dove non c'erano costrizioni".
Geronimo

 

Vai a Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo