Il Mio Primo Progetto Con Il Legno

Da scalpellino, 04 Giu 2019.

Risposte 30, Visite 1312

Vai a 1, 2, 3  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Mar 04 Giu, 2019 18:40 #1
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 28

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

Ciao a tutti  

Sono appena arrivato qui nel forum, ma spero di non essere partito male postando nella sezione sbagliata  

Una delle prime cose che ho capito (per quanto banale possa essere) è che senza un banco da lavoro non si può fare niente, quindi ovviamente il mio primo progetto sarà costruirmi un banco da lavoro.

La mia idea (a meno che qualcuno non mi faccia trovare un'idea migliore) è quella di realizzare il banco di paul Sellers. Immagino lo conosciate già, ma per chi non lo conoscesse trovare qui tutti i dettagli

https://www.youtube.com/playlist?li...pyxjveO2Y90CvD9

Tuttavia, siccome di fatto non ho mai costruito niente con il legno, per evitare di rovinare un sacco di materiale ho pensato di fare pratica con un progetto meno impegnativo e che comunque potrebbe essere utile: un banchetto per segare. Ho visto in questo video il progetto

https://www.youtube.com/watch?v=AiFUMrY23M8

e mi sembra abbastanza facile da realizzare.

La prima domanda che volevo chiedere è se questa mia idea di partire col banchetto sia realmente di qualche utilità. Infatti io pensavo di poterlo usare come una specie di "roman workbench", ossia il banco da falegname che si usava in epoca medioevale

Siccome ritengo che il roman workbench sia al di sopra delle mie possibilità (soprattutto per i fori inclinati per le zampe), allora mi sono orientato verso il banchetto di cui parlavo sopra, che mi sembra molto più facile per un principiante come me.

Ho già comprato (sigh... al brico) il legno necessario, ma ho già riscontrato vari problemi.

Il primo di tutti è un enorme dubbio sulla qualità del legno. In pratica si sta sbriciolando tutto, ma il fatto è che non riesco a capire se è un legno di pessima qualità o se sono i miei scalpelli a non essere affilati correttamente. Potete vedere dalle foto il primo disastro che ho combinato


 1  
 
 2
 
 3
 
 4
 
 5

Il danno è completamente riparabile: è sufficiente accorciare la tavola di un paio di centimetri e rifare tutto daccapo, ma il dubbio rimane: è il legno che fa schifo o sono io che sto sbagliando tutto?  

Qualche altro dettaglio che ritengo possa essere utile. Per fare questo pasticcio ho usato i seguenti utensili

https://www.amazon.it/Augusta-giapp.../dp/B00GN5KLMS/
https://www.amazon.it/Draper-Tools-.../dp/B000EOQ8WQ/

L'olio di gomito su amazon non ce l'avevano, ci ho dovuto mettere il mio    

Gli scalpelli non li ho usati così com'erano (anche perché un paio avevano una tacca sul tagliente che mi ha fatto pentire di aver preso quei ferracci), ma prima li ho rettificati. Innanzitutto ho messo dei fogli di carta vetrata grana 120 su una lastra di vetro e ho spianato la base degli scalpelli (ho consumato chilometri di carta vetrata perché non ce n'era nemmeno uno che fosse piano... un vero disastro)

Poi dopo averli spianati ho eliminato le tacche dal bisello sempre con la carta vetrata da 120 usando la guida inclusa nella confezione per evitare di fare ulteriori pasticci.

Dopo svariate ore di faticaccia ho usato questa pietra

https://www.amazon.it/Naniwa-Pietra.../dp/B001NI5JUY/

La grana 1000 per "affilare" e la grana 3000 per "lappare". Al momento non ho ancora uno strop di pelle con pasta abrasiva, ma è sulla lista delle cose da prendere (purtroppo il mio portafogli è un tantino vuoto   )

Sia la base dello scalpello che il bisello sono lucidi, ma non sono del tutto sicuro di aver affilato correttamente gli scalpelli.

In effetti temo di aver scelto la pietra sbagliata per affilare, perché (sempre, ripeto, ameno che non stia sbagliando tutto io) taglia molto lentamente. Ritengo di dover comprare una pietra più aggressiva, possibilmente una diamantata, ma costano un sacco e non voglio buttare soldi, quindi anche su questo mi rimetto ai vostri consigli

Grazie in anticipo a chiunque voglia rispondermi  

Ultima modifica di lapin il Gio 06 Giu, 2019 06:22, modificato 2 volte in totale

 
Da zoki4691Sesso: Uomo Inviato: Mar 04 Giu, 2019 20:39 #2
 
avatar
Galleria Personale

Registrato: Settembre 2013

Messaggi: 3675

Età: 55

Residenza: yugoslavia.png

Regione: Lombardia

Provincia: Milano (MI)

scalpellino ha scritto: 
Ciao a tutti  

Sono appena arrivato qui nel forum, ma spero di non essere partito male postando nella sezione sbagliata  

Una delle prime cose che ho capito (per quanto banale possa essere) è che senza un banco da lavoro non si può fare niente, quindi ovviamente il mio primo progetto sarà costruirmi un banco da lavoro.

La mia idea (a meno che qualcuno non mi faccia trovare un'idea migliore) è quella di realizzare il banco di paul Sellers. Immagino lo conosciate già, ma per chi non lo conoscesse trovare qui tutti i dettagli

https://www.youtube.com/playlist?li...pyxjveO2Y90CvD9

Tuttavia, siccome di fatto non ho mai costruito niente con il legno, per evitare di rovinare un sacco di materiale ho pensato di fare pratica con un progetto meno impegnativo e che comunque potrebbe essere utile: un banchetto per segare. Ho visto in questo video il progetto

https://www.youtube.com/watch?v=AiFUMrY23M8

e mi sembra abbastanza facile da realizzare.

La prima domanda che volevo chiedere è se questa mia idea di partire col banchetto sia realmente di qualche utilità. Infatti io pensavo di poterlo usare come una specie di "roman workbench", ossia il banco da falegname che si usava in epoca medioevale

Siccome ritengo che il roman workbench sia al di sopra delle mie possibilità (soprattutto per i fori inclinati per le zampe), allora mi sono orientato verso il banchetto di cui parlavo sopra, che mi sembra molto più facile per un principiante come me.

Ho già comprato (sigh... al brico) il legno necessario, ma ho già riscontrato vari problemi.

Il primo di tutti è un enorme dubbio sulla qualità del legno. In pratica si sta sbriciolando tutto, ma il fatto è che non riesco a capire se è un legno di pessima qualità o se sono i miei scalpelli a non essere affilati correttamente. Potete vedere dalle foto il primo disastro che ho combinato

https://i.postimg.cc/mD6cf5WR/001.jpg
https://i.postimg.cc/T3X9hCpf/002.jpg
https://i.postimg.cc/jdy6VPv9/003.jpg
https://i.postimg.cc/RF3fgHNg/004.jpg
https://i.postimg.cc/mrkFrHNT/005.jpg


Il danno è completamente riparabile: è sufficiente accorciare la tavola di un paio di centimetri e rifare tutto daccapo, ma il dubbio rimane: è il legno che fa schifo o sono io che sto sbagliando tutto?  

Qualche altro dettaglio che ritengo possa essere utile. Per fare questo pasticcio ho usato i seguenti utensili

https://www.amazon.it/Augusta-giapp.../dp/B00GN5KLMS/
https://www.amazon.it/Draper-Tools-.../dp/B000EOQ8WQ/

L'olio di gomito su amazon non ce l'avevano, ci ho dovuto mettere il mio    

Gli scalpelli non li ho usati così com'erano (anche perché un paio avevano una tacca sul tagliente che mi ha fatto pentire di aver preso quei ferracci), ma prima li ho rettificati. Innanzitutto ho messo dei fogli di carta vetrata grana 120 su una lastra di vetro e ho spianato la base degli scalpelli (ho consumato chilometri di carta vetrata perché non ce n'era nemmeno uno che fosse piano... un vero disastro)

Poi dopo averli spianati ho eliminato le tacche dal bisello sempre con la carta vetrata da 120 usando la guida inclusa nella confezione per evitare di fare ulteriori pasticci.

Dopo svariate ore di faticaccia ho usato questa pietra

https://www.amazon.it/Naniwa-Pietra.../dp/B001NI5JUY/

La grana 1000 per "affilare" e la grana 3000 per "lappare". Al momento non ho ancora uno strop di pelle con pasta abrasiva, ma è sulla lista delle cose da prendere (purtroppo il mio portafogli è un tantino vuoto   )

Sia la base dello scalpello che il bisello sono lucidi, ma non sono del tutto sicuro di aver affilato correttamente gli scalpelli.

In effetti temo di aver scelto la pietra sbagliata per affilare, perché (sempre, ripeto, ameno che non stia sbagliando tutto io) taglia molto lentamente. Ritengo di dover comprare una pietra più aggressiva, possibilmente una diamantata, ma costano un sacco e non voglio buttare soldi, quindi anche su questo mi rimetto ai vostri consigli

Grazie in anticipo a chiunque voglia rispondermi  

Chi te lo detto ,ti ha raccontato una bugia .
Un banco , classico non e indispensabile .
Puoi lavorare anche senza .
Prima di farmelo da solo ho preso 3 banchetti portatili di quali uno lo costruito da solo .
Un banco classico , pesante , lo vedo più come togliere lo sfizio  ( io non avevo bisogno ,ma.lo fatto anche per vedere come si fa )
Adesso ho un robo da 2,4 quintali in mezzo che sinceramente sfrutto poco .
Non mi pento per la costruzione ,ma adesso vorrei sbarazzarmi per acquistare più spazio .

Si come hai detto che non hai tanta esperienza , secondo me i soldi che spendi per materiale per la costruzione  ,sfrutta meglio e prendi un banco sega o qualche altro attrezzo.
Ovviamente , e solo il mio parere che non significa niente .
 
Da MastrociliegiaSesso: Uomo Inviato: Mar 04 Giu, 2019 21:01 #3
 
avatar

Registrato: Febbraio 2017

Messaggi: 560

Età: 64

Residenza: france.png

Regione: Stato Estero

Provincia: -

Ciao,
Quoto quanto detto da Zoki sulla necessità di avere un banco "serio". Se guardi, come ho capito, i video di Sellers, ti sarai accorto che per costruire il suo banco utilizza un banchetto di quelli che  trovi in commercio, tipo Black&Decker per capirci. Non é il banco (o lo scalpello ) che fa il falegname, ma…. il Manico!!

Per quel che riguarda il legno acquistato, mi sembra che sia del listellare d'abete, troppo tenero per fare degli incastri. Secondo me dovresti prima capire in che direzione vuoi muoverti (lavori con attrezzi manuali, oppure elettroutensili, etc.) e poi in funzione della risposta che ti dai, cominciare ad attrezzarti in modo coerente poco alla volta, secondo le tue possibilità, ma sempre cercando di orientarti su lavori che siano possibili con le attrezzature che hai in quel momento. Un po alla volta ti farai un bel set di utensili e nel frattempo avrai imparato anche un po ad utilizzarli e un passo alla volta…..

Buoni trucioli in ogni caso

Fulvio
 
Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Mar 04 Giu, 2019 22:58 #4
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 28

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

Innanzitutto grazie per le risposte  

zoki4691 ha scritto: 

Chi te lo detto ,ti ha raccontato una bugia .
Un banco , classico non e indispensabile .
Puoi lavorare anche senza .
Prima di farmelo da solo ho preso 3 banchetti portatili di quali uno lo costruito da solo .
Un banco classico , pesante , lo vedo più come togliere lo sfizio  ( io non avevo bisogno ,ma.lo fatto anche per vedere come si fa )
Adesso ho un robo da 2,4 quintali in mezzo che sinceramente sfrutto poco .
Non mi pento per la costruzione ,ma adesso vorrei sbarazzarmi per acquistare più spazio .

Si come hai detto che non hai tanta esperienza , secondo me i soldi che spendi per materiale per la costruzione  ,sfrutta meglio e prendi un banco sega o qualche altro attrezzo.
Ovviamente , e solo il mio parere che non significa niente .


A dire il vero nessuno mi ha detto che un banco da lavoro è indispensabile, ci sono arrivato con la mia esperienza personale perché se non si ha una superficie di appoggio su cui mettere i pezzi in lavorazione a meno che non si faccia come i giapponesi che lavorano per terra (e la mia schiena non me lo permette purtroppo) non vedo in che altro modo si possa fare qualciasi cosa.

Quelle sottospecie di "code di rondine" delle foto le ho ottenute lavorando sul tavolo della cucina a mio rischio e pericolo perché tutti in casa mi guardavano come se fossi fuggito da un manicomio  

Avevo già considerato l'acquisto di un banco sega, ma ci sono due problemi:
1) i prezzi (un buon banco sega costa tanto, e purtroppo io al momento non ho soldi da spenderci)
2) essendo un principiante ho una certa paura a comprare un attrezzo così potente: finché non prendo una certa confidenza preferisco usare solo attrezzi manuali che pur non essendo innocui sono comunque meno pericolosi degli elettroutensili.

Mastrociliegia ha scritto: 
Ciao,
Quoto quanto detto da Zoki sulla necessità di avere un banco "serio". Se guardi, come ho capito, i video di Sellers, ti sarai accorto che per costruire il suo banco utilizza un banchetto di quelli che  trovi in commercio, tipo Black&Decker per capirci. Non é il banco (o lo scalpello ) che fa il falegname, ma…. il Manico!!

Per quel che riguarda il legno acquistato, mi sembra che sia del listellare d'abete, troppo tenero per fare degli incastri. Secondo me dovresti prima capire in che direzione vuoi muoverti (lavori con attrezzi manuali, oppure elettroutensili, etc.) e poi in funzione della risposta che ti dai, cominciare ad attrezzarti in modo coerente poco alla volta, secondo le tue possibilità, ma sempre cercando di orientarti su lavori che siano possibili con le attrezzature che hai in quel momento. Un po alla volta ti farai un bel set di utensili e nel frattempo avrai imparato anche un po ad utilizzarli e un passo alla volta…..

Buoni trucioli in ogni caso

Fulvio

Se devo essere sincero, ormai quella del banco "serio" sta diventando una necessità. Ogni volta che provo a fare qualcosa sul tavolo della cucina rischio un linciaggio, quindi non vedo alternative. Ovviamente quel bancone in stile Sellers lo costruirei in garage, così non dò fastidio a nessuno.

Come dicevo prima, preferisco di gran lunga usare attrezzi manuali, oltre che per il minor costo anche perché finché non acquisisco una certa dimestichezza con le lavorazioni preferisco non rischiare di amputarmi una mano. Ora come ora, dispongo di un arsenale davvero minimale:
1) la sega giapponese indicata sopra
2) gli scalpelli (sui quali tutt'ora dubito di essere riuscito ad affilarli correttamente)
3) un avvitatore black&decker (niente di che ma all'occorrenza va bene per forare il legno)
4) un paio di morsetti (che finora ho usato per tenere il legno ben fermo sul tavolo della cucina)
5) una pialla stanley n. 4 che non ho ancora avuto modo di usare perché senza un tavolo non posso piallare nulla.

Avevo il sospetto che che il legno non fosse adatto, ma era quello più economico su cui sono riuscito a mettere le mani, e in ogni caso se mi permette di fare esercizio e imparare è comunque un buon investimento.

Io ho già in mente un piano di massima, e consiste nel costruire tante piccole cosucce. In casa ho diverse nicchie che potrei sfruttare in molti modi, ad esempio costruendoci dei piccoli scaffali su misura per poterci poi tenere la mia raccolta dei DVD o dei CD di musica. Un altro progetto (già molto più ambizioso) è quello di costruire una cassettiera (pure questa su misura) ma prima di cimentarmi in questa impresa faccio un po' di esperienza col banchetto e col bancone. E tante altre cosine che di solito si finisce per comprare in qualche negozio ma che poi non si riesce ad adattarle al posto in cui si vorrebbe metterle.

Infatti, la parola chiave in tutto questo è "su misura". Ci sono tante cosine che prese singolarmente sono delle piccolezze, ma nel complesso oltre a darmi la soddisfazione di essermele costruite da solo mi permetterebbero di tenere più in ordine la casa.

Considerando che l'abete listellare è troppo tenero per fare gli incastri, e soprattutto considerando che poi su quel banchetto ci volevo mettere su i vari pezzi di legno su cui scavare le mortase con gli scalpelli e che quindi dovrà subire non poche sollecitazioni, allora che tipo di legno mi converrebbe usare?

Mi sapreste suggerire una pietra migliore per affilare gli scalpelli? Considerata la quantità di carta vetrata che ho buttato via solo per spianare le basi mi sembra uno stillicidio.

Grazie ancora per le risposte  
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 07:26 #5
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15426

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Innanzi tutto dovresti postare le foto direttamente e non tramite dei link. Ti basta seguire queste istruzioni:

http://www.arcadilegno.it/viewtopic.php?f=91&p=254528#p254528

Grazie.

Avere un banco è si indispensabile ma non è indispensabile farsene uno. D'accordo che è una bella prova da affrontare ma io ti posso tranquillamente dire che uso un banchetto commerciale e non ho nessuna intenzione, almeno per il momento, di farmi un banco apposito.
Dici di non avere soldi da spendere, problema comune a tutti, più o meno, ma secondo te un banco coi crismi ti verrebbe gratis? il legno mica te lo regalerebbero e dovresti usare del legno molto più importante dell'abetaccio che troveresti al Brico di turno. Fermo restando che è una decisione tua e nessuno può interferire io posso solo sconsigliartelo. Per me potresti acquistarti un banchetto economico e cominciare a lavorarci su tranquillamente. Poi con il tempo, se la voglia crescerà ed il futuro le permettesse potresti pensare a farti questo "banco".

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 07:40 #6
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15426

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Per quanto riguarda l'affilatura di scalpelli o ferri da pialla penso che la cosa migliore sia una pietra diamantata double-face (400/1000). Io ne ho una acquistata da Axminster (UK) veramente ottima. te la consiglio come ti consiglio di acquistare insieme una guida per l'affilatura. non andresti a spendere troppi soldi ed avresti un risultato di pregio.

Il legno più adatto che puoi trovare al Brico è il Faggio, ottimo per fare lavori gravosi.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

Ultima modifica di lapin il Mer 05 Giu, 2019 07:43, modificato 1 volta in totale

 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 09:38 #7
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 371

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Ebbene scalpellino, circa un anno fa ero nella tua stessa situazione...principiante ma con l'idea di autocostruirmi un bancone serio. Sebbene segua abbastanza assiduamente Sellers la mia scelta è ricaduta su un'altra tipologia, questa:

 sw1

Purtroppo il mio pochissimo tempo a disposizione non gioca a favore, e a distanza di un anno sto ancora finendo di piallare e laminare tutte le tavole occorrenti, ma devo dire che sono a buon punto, anzi a breve aggiorno il post che aprii tempo addietro proprio su questo argomento. Sto lavorando solo con attrezzi manuali, ed è davvero un'impresa ardua...ma ce la faremo. Per me usare solo attrezzi manuali è una scelta obbligata perchè lavoro nel mio garage in condominio. Non voglio disturbare nessuno. E poi devo essere sincero mi piace lavorare con attrezzi manuali e non rimpiango affatto l'assenza di elettroutensili con cui magari avrei già ultimato questo progetto.

Come ti hanno detto già gli altri (fonti molto più autorevoli rispetto al mio parere), l'abete come legno morbido non si presta tanto alla lavorazione per i vari incastri. Io ho optato per il frassino. Se poi gli scalpelli non sono affilati come rasoi (la pialla idem) è un disastro. Se cerchi nel forum ci sono due topic a mio parere preziosissimi, sull'affilatura delle lame per pialle o degli scalpelli. Il master è John!!! ci sono spunti davvero interessanti che possono colmare le lacune teoriche che i video di Sellers o altri possono lasciare. Inizialmente ho acquistato due pietre, 1000 e 3000/8000....Dopo un po' ho sentito la necessità di un sistema più robusto e ho investito un po' di soldi in tre "pietre diamantate" (meglio chiamarle lastre di acciaio diamantate), come quelle usate dal Sellers.

è tutta un'altra storia.

Come coramella (Strop) puoi usare benissimo un pezzetto di multistrato caricato con la pasta abrasiva. Occhio quando fai il passaggio sulla coramella a non arrotondare l'apice del bisello...anche quel microarrotondamento del bisello potrebbe compromettere l'affilatura (lo dico per esperienza diretta ahahahah).

Per quanto riguarda la tua idea di partire da un progetto più piccolo, la scelta spetta a te...in linea di massima quanta più esperienza fai tanto meglio è.

Buoni trucioli
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 10:34 #8
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15426

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Con questa vai sul sicuro, veramente ottima

https://www.axminster.co.uk/axminst...ch-stone-951777

più una guida di questo tipo

https://www.axminster.co.uk/axminster-rider-honing-guide-340147

poi, per rifinire il tutto, come ti è stato già spiegato, è sufficiente una tavoletta piana (io uso MDF) con sopra un po' di pasta abrasiva. Vedrai che risultati

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 20:02 #9
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 28

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

Innanzitutto ringrazio ancora tutti per le risposte  

Citazione:
dovresti postare le foto direttamente e non tramite dei link

ci avevo provato, ma invece di cliccare sul pulsante "carica immagine" ho erroneamente cliccato sul pulsante "aggiungi allegato"; è stata una distrazione non vedere il pulsante giusto, chiedo scusa per l'equivoco  

Oggi ho passato un'ora abbondante sulla pietra ad affilare un singolo scalpello, ed ecco i risultati ottenuti (stavolta spero di aver inserito correttamente la foto)



A me sembra che le fibre non siano "tagliate" ma "strappate", quindi mi sa che lo scalpello richieda ancora un po' di olio di gomito. Che ne pensate?

Citazione:
Dici di non avere soldi da spendere, problema comune a tutti, più o meno, ma secondo te un banco coi crismi ti verrebbe gratis?

Decisamente no, il legno costa, e costa anche tanto, per questo sto cercando di mettere un po' di soldini da parte. Il mio errore è stato quello di avere troppa fretta (l'impazienza del principiante   ) e di prendere del legno al brico che oltre ad essere di scarsa qualità costa pure di più che prenderlo da un fornitore di legname all'ingrosso. Che dire... sbagliando di impara  

Ma è proprio il fatto che non ho soldi che mi spinge ad adottare un principio molto semplice: se devo spendere, voglio comprare fin da subito qualcosa di buono, perché comprare una cosa buona costa molto meno che comprare 3 o 4 cose scarse.

Credo comunque che si sia creato un equivoco. Io non voglio creare un bancone gigantesco per avviare un'attività professionale. Io voglio solo un buon tavolo robusto e stabile su cui poter scavare una mortata senza rischiare di far collassare tutto (il tavolo della cucina non va bene per queste cose)

Quando dicevo di voler fare quello di Paul Sellers, intendevo ispirarmi al modello, ma non voglio fare un bancone enorme, anche perché lo spazio disponibile in garage non è tantissimo. Quello di Sellers mi sembrava abbastanza facile da realizzare per un principiante (ho visto tutti i video e le lavorazioni richieste non sembrano impossibili da realizzare), ma in ogni caso la decisione non è ancora definitiva, sono aperto ai suggerimenti  

I banchetti da lavoro in realtà li ho provati ma non mi ci trovo bene perché sono leggerissimi e si muovono continuamente. Un bancone da lavoro vero e proprio permette di fissare il pezzo in maniera stabile e sicuramente rende più agevole maneggiare gli attrezzi.

La cosa che mi manca di più in assoluto è una morsa!! Non vedo l'ora di averne una per finalmente poter fissare il materiale invece di tenerlo con le mani col rischio di segarmi un dito (oltre al fatto che il taglio poi viene tutto storto   )

Citazione:
dovresti usare del legno molto più importante dell'abetaccio che troveresti al Brico di turno.

Questo è un altro punto dolente: che tipo di legno mi consigliate di usare? Come dicevo prima, anche se mi ci vorrà più tempo per mettere i soldi da parte, sono disposto a fare una spesa adeguata purché sia di qualità. Io non sono un fan dell'usa e getta, preferisco avere qualcosa di durevole nel tempo

Un fornitore di legname che sta qui nei paraggi mi ha dato un listino dei prezzi, e (cito testualmente perché non ho idea di cosa significhi)

Tav. Faggio NAT.SL I/II 60 mm (spessore)  € 793 al metro cubo

Per paragone (ancora cito testualmente)

abete IIIA° mm. 60 (spessore)  € 549 al metro cubo

Credo che uno spessore di 60 mm sia un pelino eccessivo e tavoloni del genere sono tutt'altro che facili da lavorare soprattutto con attrezzi manuali. Ma se mi dite che come materiale è valido vedrò di ingegnarmi per trovare una soluzione (magari chiedo a un falegname se mi aiuta a trattare le tavole su una pialla filo/spessore).

Citazione:
Sto lavorando solo con attrezzi manuali, ed è davvero un'impresa ardua...ma ce la faremo. Per me usare solo attrezzi manuali è una scelta obbligata perchè lavoro nel mio garage in condominio. Non voglio disturbare nessuno. E poi devo essere sincero mi piace lavorare con attrezzi manuali e non rimpiango affatto l'assenza di elettroutensili con cui magari avrei già ultimato questo progetto.

In pratica siamo nella stessa identica situazione  
Io comunque non ho fretta, per me fare questi lavoretti deve essere un piacere, non uno stress, quindi ho intenzione di prendermi tutto il tempo che occorre e godermi ogni singola piallata. Magari non comincerò a piallare adesso che sta per arrivare il caldo  

Citazione:
tre "pietre diamantate" (meglio chiamarle lastre di acciaio diamantate), come quelle usate dal Sellers.

al solito la mancanza di soldi e la fretta mi hanno fregato   La pietra 1000/3000 della Naniwa che ho comprato mi sembrava il miglior compromesso, e sebbene sia comunque una pietra di qualità, lavora troppo lentamente e ci mette oltre mezz'ora per affilare uno scalpello, e intendo mezz'ora su ciascuna grana, quindi un'ora piena per un singolo scalpello: decisamente inutilizzabile. Il Sellers non dice quali sono le piastre che usa, e non riesco a trovarle. Mi potresti dire cosa hai preso e dove?

Citazione:
Per quanto riguarda l'affilatura di scalpelli o ferri da pialla penso che la cosa migliore sia una pietra diamantata double-face (400/1000).

Grazie mille per il link, il prezzo mi sembra decisamente interessante. Io ero già nel panico guardando questi prezzi  

https://www.utensiliprofessionali.com/diasharpener.html

La guida per affilatura era già inclusa nella confezione degli scalpelli, e la sto usando (magari col tempo riuscirò ad acquisire una manualità sufficiente per andare a mano libera ma per adesso la guida è indispensabile per me)

La coramella vedrò di procurarmela alla prima occasione (devo chiedere al barbiere se he ha una da dare via   )

Grazie ancora a tutti e scusatemi se sono stato molto prolisso  
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 20:19 #10
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15426

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Prolisso tu? Ma no, basta prendersi un giorno di Ferie per leggere il tutto tranquillamente...  

Dici di avere postato una foto, ma io non la vedo, dove l'avresti postata?

Se le istruzioni sono chiare potresti innanzi tutto togliere i link del tuo primo post e sostituirli con le foto dirette.

Per fare un banco serio occorre usare del legno "duro" come per esempio il Rovere od il Frassino, ma potrebbe andar benone anche il Faggio.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da MastrociliegiaSesso: Uomo Inviato: Mer 05 Giu, 2019 20:35 #11
 
avatar

Registrato: Febbraio 2017

Messaggi: 560

Età: 64

Residenza: france.png

Regione: Stato Estero

Provincia: -

Ciao Scalpellino. Quali video di Sellers stai guardando? Dico questo perché proprio in questo periodo sta pubblicando una serie su un banco fatto in multistrato. Per qualcuno che comincia potrebbe essere una buona soluzione perché evita il problema di lavorare tavolame pesante senza macchinari. Il multistrato è più caro ma si trova più facilmente anche nei brico .
 
Da scalpellinoSesso: Uomo Inviato: Gio 06 Giu, 2019 00:03 #12
 
avatar

Registrato: Giugno 2019

Messaggi: 28

Residenza: blank.gif

Regione: Toscana

Provincia: -

oops... credevo di aver fatto le cose come si deve stavolta  

riprovo con la foto

mah_1559771616_789324

stavolta spero di avercela fatta  

I video di Sellers a cui mi riferivo sono questi

https://www.youtube.com/playlist?li...pyxjveO2Y90CvD9

Per quanto riguarda il compensato spero di non far rizzare i capelli in testa a qualcuno, ma io preferisco il legno. Il compensato non mi è mai piaciuto, e per la mia (limitata) esperienza personale è più difficile da lavorare con gli attrezzi manuali rispetto al legno. Immagino (è solo un'ipotesi) che questo sia dovuto alle colle usate per tenere insieme le parti che rendono il materiale stesso più ostico.

Citazione:
Per fare un banco serio occorre usare del legno "duro" come per esempio il Rovere od il Frassino, ma potrebbe andar benone anche il Faggio.

ehm... mi sono saltate 3 o 4 coronarie... secondo quel listino prezzi di cui parlavo prima il frassino bianco da 40 mm di spessore costa 1230 euro al metro cubo, mentre il rovere slavonia sempre da 40 mm di spessore costa 1650 euro al metro cubo

mi sa che dovrò mettere parecchi soldini da parte  

Tanto per capire, ma il bancone deve essere per forza tutto dello stesso materiale? Se per ipotesi facessi il piano di lavoro in faggio o in rovere e le zampe in abete sarebbe tanto malvagio? Sempre in quel fornitore di legname ho visto che hanno delle travi (le chiamano "morali" se ricordo bene) di abete a sezione quadrata da 10 cm di lato; sembrano più che adeguati per farci le zampe di un banco da lavoro e una di quelle travi da 5 metri costa 20 euro (ci verrebbero tutte e 4 le sampe più un bel po' di legno di riserva in caso di errori da parte mia). Che dite, è un'idea stupida?

P.S. Ho modificato il primo post e sono riuscito a inserire correttamente le foto stavolta

Chiedo scusa per la "niubbaggine"  

Ultima modifica di scalpellino il Gio 06 Giu, 2019 00:13, modificato 1 volta in totale

 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Gio 06 Giu, 2019 06:36 #13
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 15426

Età: 64

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Il suggerimento di usare del multistrato (di betulla e non di pioppo) almeno per il piano di lavoro va benissimo, io la prenderei seriamente in esame.
Non capisco la tua affermazione che lavorare il multistrato è difficile, non mi risulta affatto. Forse perché sei abituato con l'abetaccio del Brico che si taglia solo a guardarlo?
Il multistrato di Betulla è veramente ottimo ed io lo uso spesso per piani di lavoro di qualsiasi tipo.
Per quanto riguarda la struttura portante del banco non è assolutamente necessario usare un legno nobile e si può benissimo realizzare anche in abete.
Ti ripeto però per l'ennesima volta il mio consiglio: comprati un banchetto sufficientemente robusto (non quelli del Brico) e poi comincia a lavorarci su; acquisisci tecnica ed esperienza e poi parti con la costruzione del banco se ne avessi ancora l'impulso.

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 
Da GianlucaFSesso: Uomo Inviato: Gio 06 Giu, 2019 08:51 #14
 
avatar

Registrato: Mag 2018

Messaggi: 371

Età: 33

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

PIETRE EZE-LAP A questo link trovi le tre piastre diamantate che usa Sellers. Lui usa la 81C, 81F e 81SF.

Per quanto riguarda la possibilità di utilizzare essenze diverse per top e struttura, è quello che sto facendo anch'io. Il top lo sto realizzando in frassino e noce le testate. Per le gambe e i piedi l'idea originale era di usare il rovere...ma considerati i prezzi esorbitanti ho optato per l'abete da costruzione, un pelino migliore dell'abete da brico.

Giusto come indicazione...se passi più di 10 minuti ad affilare una lama sulla stessa pietra...forse è il caso di usare una grana più grossa per la sgrossatura (probabilmente è un termine improprio) preliminare.

Ti rinnovo l'invito a cercare i post di John sull'affilatura.
 
Da MastrociliegiaSesso: Uomo Inviato: Gio 06 Giu, 2019 08:58 #15
 
avatar

Registrato: Febbraio 2017

Messaggi: 560

Età: 64

Residenza: france.png

Regione: Stato Estero

Provincia: -

Prova a guardare questo video di Paul Sellers forse ti farà cambiare idea sul multistrato (playwood in inglese)

https://youtu.be/wVjhhV9ivvk
 

Vai a 1, 2, 3  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo