Consigli Restauro Comò E Comodini

Da Alessandro92, 21 Set 2016.

Risposte 5, Visite 922

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da Alessandro92Sesso: Uomo Inviato: Mer 21 Set, 2016 15:21 #1
 
avatar

Registrato: Settembre 2016

Messaggi: 3

Età: 26

Regione: Campania

Provincia: Salerno (SA)

Ciao a tutti!
Sono un new entry del forum, vi volevo chiedere un consiglio tecnico riguardo al restauro di un comò con annesso letto e comodini che ho "ereditato".
Erano della mia bisnonna, suppongo siano databili verso i primi del '900.
Sono in buone condizioni ma la verniciatura (suppongo gommalacca) è tutta graffiata ed opacizzata.
(provo ad allegarvi delle foto)
Ovviamente dovrò fare anche l'antitarlo...
Chi mi aiuta?  
 comodini_1474464410_479217  com_2_1474464469_699225  letto_1474464482_181681  serratura1_1474464505_745053  maniglia_1474464518_235472  angolo_1474464535_707008  specchio_1474464549_450153

Ultima modifica di Alessandro92 il Mer 21 Set, 2016 15:29, modificato 2 volte in totale

 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Mer 21 Set, 2016 16:07 #2
Ufficiale di bordo
Ufficiale di bordo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 12973

Età: 63

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

La parola ai restauratori!  

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Over the bench the goat lives
under the bench the goat dies

 
Da alvin Inviato: Mer 21 Set, 2016 17:20 #3
 
avatar

Registrato: Marzo 2016

Messaggi: 440

Età: 63

Residenza: blank.gif

Regione: Campania

Provincia: Napoli (NA)

non sono restauratore ma mobili vecchi e/o antichi di famiglia ne ho anch'io, la mia piccola esperienza di recuperi ce l'ho.
per vedere se la finitura dei tuoi mobilie' gommalacca usa un tampone fatto con uno straccio pulito imbevuto di alchool.
la gommalacca con tutta la sporcizia che si e' accumulata nel tempo si scioglie abbastanza facilmente.
le zone non tanto danneggiate da rotture, tarli ed altri inconvenienti non le ripulire completamente, un po' di patina antica la puoi lasciare.
per i tarli una soluzione di permetrina di quelle gia' pronte la trovi in ferramenta, iniettala in tutti i fori e spennellala abbondantemente in tutte le superfici, poi chiudi ermeticamente in sacchi grandi da immondizia oppure con teli di plastica e nastro da pacchi ed aspetta almeno 4 settimane.
nel frattempo ti puoi dedicare al recupero di eventuali cassetti sgangherati e cornici staccate.
nello specifico, se non descrivi bene i danni, (anche con foto), non posso consigliarti.
quando avrai finito parleremo della nuova gommalacca.
 
Da Alessandro92Sesso: Uomo Inviato: Mer 21 Set, 2016 17:50 #4
 
avatar

Registrato: Settembre 2016

Messaggi: 3

Età: 26

Regione: Campania

Provincia: Salerno (SA)

Ciao Alvin, per rimuovere la gommalacca basta quindi soltanto l'alcool e uno straccio?
Il bello è che i mobili non presentano nessuna rottura, soltanto la vernice è andata a farsi benedire con il passare dei decenni.
Quindi dovrei "soltanto":
sverniciare i mobili dalla gommalacca;
dare l'antitarlo;
dare la nuova gommalacca.
Per quanto riguarda l'antitarlo ho un solo dubbio: l'iniezione nei buchi è necessaria?
Ho sempre saputo che i fori che si vedono sulla superficie in realtà, sono le vie di uscita (e non di entrata) dei cunicoli scavati da questi maledettissimi tarli.
Sono efficienti per davvero le soluzioni antitarlo che si trovano in ferramenta?
Ho soltanto paura che a lavoro finito, portando i mobili in casa, mi ritrovi con questi ospiti affamati di legno a banchettare nelle travi di lamellare che ho in casa.   
 
Da alvin Inviato: Gio 22 Set, 2016 11:14 #5
 
avatar

Registrato: Marzo 2016

Messaggi: 440

Età: 63

Residenza: blank.gif

Regione: Campania

Provincia: Napoli (NA)

non e' necessario rimuovere tutta la gommalacca vecchia ma uno strato sufficiente a scoprire il pulito.
per cio' che riguarda i fori d'uscita dei tarli io li inietto abbondantemente, sia per impregnare meglio il legno di disinfestante sia per allagare le uova che la bestiola ha lasciato dietro di se.
non sono un'entomologo e non conosco nemmeno il ciclo vitale del tarlo tuttavia abbondo sempre anche con i tempi di "insaccamento" che contribuiscono ad abbattere la popolazione dei parassiti.
le soluzioni di permetrina sono tutte buone e le bonifiche che ho eseguito negli anni mi confortano nel metodo ma la sicura non c'e' nemmeno sulla canna del fucile!
 
Da PinuccSesso: Uomo Inviato: Lun 21 Nov, 2016 14:13 #6
 
avatar

Registrato: Febbraio 2015

Messaggi: 135

Età: 41

Regione: Trentino - Alto Adige

Provincia: Trento (TN)

alvin ha scritto: 
non e' necessario rimuovere tutta la gommalacca vecchia ma uno strato sufficiente a scoprire il pulito.
per cio' che riguarda i fori d'uscita dei tarli io li inietto abbondantemente, sia per impregnare meglio il legno di disinfestante sia per allagare le uova che la bestiola ha lasciato dietro di se.
non sono un'entomologo e non conosco nemmeno il ciclo vitale del tarlo tuttavia abbondo sempre anche con i tempi di "insaccamento" che contribuiscono ad abbattere la popolazione dei parassiti.
le soluzioni di permetrina sono tutte buone e le bonifiche che ho eseguito negli anni mi confortano nel metodo ma la sicura non c'e' nemmeno sulla canna del fucile!


a me hanno detto, ma non ho prove certe della cosa, tranne quello che si può trovare in internet che tendenzialmente lo conferma..che di fatto quando si vedono i "buchini" è già tardi, nel senso che il tarlo è già volato via e ci sono uova solo se la primavera successiva delle femmine sono tornate li a depositare..ma non nelle "gallerie", piuttosto negli anfratti del mobile stesso, ma anche di casa, dietro ai battiscopa, ecc..

tendenzialmente, per capire se vi è un'infestazione di tarli o meno, si dovrebbe trovare un pò di segatura..oltre a sentire il rumore.

certo è che nel dubbio vale la pena trattare.
 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo