TELECASTER © A Modo Mio

Da Albert, 16 Nov 2008.

Risposte 83, Visite 13150

Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Dom 16 Nov, 2008 17:18 #1
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

Ciao a tutti.
Come preannunciato ho iniziato a costruire una chitarra elettrica. Il modello doveva essere una copia di una Fender Telecaster. Prima di iniziare la realizzazione, non amando io fare copie “sputate” (che uno se le compra già fatte), ho deciso di metterci del mio. Si tratterà quindi di uno strumento di ispirazione Telecaster © con varianti.

Dove ho potuto la lavorazione è stata fatta a mano.

1) REALIZZAZIONE DEL MANICO

Sono partito da una tavola di acero non figurato con spessore 27 mm, che ho inizialmente sbozzata  

8y160047

E poi rettificata con una piccola fore/jointer #6,

8y130003

per poi rifinirla con una scraper sino ad avere una superficie liscia e uniforme

8y130001.

Sono passato poi alla tracciatura del contorno,

8y130008

8y130004

e al posizionamento della guida per la fresatura del canale del truss rod.

8y130007

Per la fresatura del canale ho impiegato un pantografo

8y130010

con una fresa da 6 mm.

8y130011

Una volta finita la fresatura

8y130012

con un seghetto alternativo ho eseguito lo scontorno del manico

8y130013

Già che c’ero ho pensato bene di realizzare due manici in un colpo solo, così che alla fine le chitarre saranno due, una che se ne andrà, l'altra..... vedremo.

8y130017

La finitura dei due grezzi è stata fatta interamente a mano con raspa e lime

8y130020

Ecco il risultato, quello di sinistra è già sgrezzato, mentre quello di destra è ancora da finire.

8y140021

Il canale del truss rod, prosegue con un foro che permetterà il passaggio della vite di regolazione del manico

8y140044

Sospendo a questo punto la lavorazione del manico in quanto tutte le fasi di rifinitura successive saranno conseguenti al posizionamento dello stesso sul body.

Le fotografie per motivi di sicurezza sono state eseguite con gli elettroutensili fermi e scollegati dalla rete elettrica.


Fine della prima parte.

____________
Albert

Ultima modifica di Albert il Dom 16 Nov, 2008 17:24, modificato 2 volte in totale

 
Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Dom 16 Nov, 2008 20:31 #2
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

2) LA COSTRUZIONE DEL BODY


Il body Telecaster tradizionale è composto da una tavola unica di ontano (in alcuni casi giuntata nel mezzo), ma nelle copie più economiche vengono spesso impiegati anche dei multistrati marini e non (soprattutto non   ).

La scelta dei legni per realizzare questo strumento è caduta sul mogano per il fondo

8y140024

e sull’ulivo (alla fine ho deciso per il sacrificio), per la parte superiore del top.

8y140023

in pratica un multistrato molto nobile.

Sulla tavola di fondo ho provveduto a tracciare il tragitto della cavetteria

8y140027

Così da formare con la fresatrice un canaletto che verrà chiuso dalla giustapposizione del top.

8y140030

Non volendo mettere il battipenna (scratchplate), che di solito è impiegato in questo tipo di chitarra, ho provveduto a scavare un accesso posteriore per il pickup del manico che verrà poi chiusa da una placchetta di mogano o di plexyglass  fumée.

8y140031

Sono passato poi all’incollaggio dei due strati del body mediante della colla alifatica, evitando le zone che non devono essere incollate (scassi dei pickup, dei potenziometri e del manico),

8y140037

serrando il tutto con dei morsetti per 24 ore

8y140038

Tolti i morsetti ho iniziato a tagliare il perimetro del body con il voltino del nonno, attrezzo che di solito uso per il taglio delle silouhette degli archi.

8y160051

Lo spessore e la durezza delle due essenze mi hanno fatto però optare a metà strada per il più comodo seghetto alternativo.

8y160053

Con la fresatrice sono passato poi a scavare anche nell’ulivo gli “scassi” del top, che oltre a tutto hanno messo in comunicazione tra loro le varie cavità già virtualmente unite dai canali della cavetteria.

8y160056

Prossimi passi la rifilatura dei bordi del body, lo scavo dell’incastro del manico.

Fine della seconda parte

____________
Albert

Ultima modifica di Albert il Dom 16 Nov, 2008 23:32, modificato 2 volte in totale

 
Da bertuSesso: Uomo Inviato: Dom 16 Nov, 2008 20:42 #3
 
avatar

Registrato: Giugno 2008

Messaggi: 322

Età: 46

Residenza: italia.png

Regione: Piemonte

Provincia: Torino (TO)

Bè i miei complimenti Albert vista e spiegata cosi sembra semplicissimo...ma non lo è...vero?!?! complimenti ancora
 
Da sergiocatSesso: Uomo Inviato: Dom 16 Nov, 2008 21:13 #4
 
avatar

Registrato: Gennaio 2008

Messaggi: 790

Età: 56

Residenza: italia.png Trento

Regione: Trentino - Alto Adige

Provincia: Trento (TN)

Molto interessante!

Mi chiedevo se le scelte dei legni incidono sulla "sonorità" finale in una chitarra elettrica tipo questa...o se alla fine sono i pick-up a fare il vero lavoro....

Per quanto riguarda le Gibson Es335 immagino la cosa sia completamente diversa (?)....

ciao Sergio

____________
Sergio

 
Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Dom 16 Nov, 2008 21:20 #5
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

bertu ha scritto: 
Bè i miei complimenti Albert vista e spiegata cosi sembra semplicissimo...ma non lo è...vero?!?! complimenti ancora


Credimi, dal vivo è ancora più semplice.

sergiocad ha scritto: 
.....Mi chiedevo se le scelte dei legni incidono sulla "sonorità" finale in una chitarra elettrica tipo questa...o se alla fine sono i pick-up a fare il vero lavoro....


Anche se i pickup fanno molto del lavoro, la scelta dei legnami impiegati ha una certa influenza, anche se non dominante.

sergiocad ha scritto: 
...Per quanto riguarda le Gibson Es335 immagino la cosa sia completamente diversa (?)....


Riguardo a che cosa?

____________
Albert

 
Da whybob71 Inviato: Lun 17 Nov, 2008 08:58 #6
 
avatar

Registrato: Dicembre 2007

Messaggi: 3120

Età: 49

Residenza: blank.gif Napoli

Regione: Campania

Provincia: Napoli (NA)

che bravo!
 
Da sergiocatSesso: Uomo Inviato: Lun 17 Nov, 2008 14:17 #7
 
avatar

Registrato: Gennaio 2008

Messaggi: 790

Età: 56

Residenza: italia.png Trento

Regione: Trentino - Alto Adige

Provincia: Trento (TN)

sergiocad ha scritto: 
...Per quanto riguarda le Gibson Es335 immagino la cosa sia completamente diversa (?)....


Riguardo a che cosa?[/quote]

Non ho molta pratica di strumenti, ma mi sono sempre chiesto che differenza ci potesse essere tra le chitarre elettriche a corpo pieno e quelle semiacustiche.

in parole povere: se il suono è "catturato" dal campo magnetico del pick up quanto e come incide la parte legnosa nel risultato del suono finale?

Sergio

____________
Sergio

 
Da maninoSesso: Uomo Inviato: Lun 17 Nov, 2008 23:38 #8
 
avatar
HomePage

Registrato: Agosto 2008

Messaggi: 234

Età: 48

Residenza: italia.png Bologna

Regione: Abruzzo

Provincia: Teramo (TE)

Chiedo scusa se faccio questa precisazione,ma quello non è mogano ma è un moganoide,anche se da un qualsiasi rivenditore è dato per mogano,chiedo scusa ma io sono fissato per ste cose :).
 
Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 00:46 #9
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

sergiocad ha scritto: 
...... se il suono è "catturato" dal campo magnetico del pick up quanto e come incide la parte legnosa nel risultato del suono finale?


Scusa sergio ma non avevo capito io. Semplificando all'osso ti posso dire che i pickup di una solid body raccolgono le onde sonore non solo dalle corde, ma anche quelle trasmesse attraverso il legno. A seconda della durezza dello stesso danno risposte differenti. In una chitarra semi hollow body, il pickup raccoglie anche le onde sonore generate e riflesse all'interno della cassa armonica.

manino ha scritto: 
Chiedo scusa se faccio questa precisazione,ma quello non è mogano ma è un moganoide,anche se da un qualsiasi rivenditore è dato per mogano,chiedo scusa ma io sono fissato per ste cose :).


Non credo che mi appenderò a un ramo con una corda di seta per questo........

____________
Albert

Ultima modifica di Albert il Mar 18 Nov, 2008 01:12, modificato 1 volta in totale

 
Da donhaldo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 09:00 #10
Ospite
avatar

manino ha scritto: 
Chiedo scusa se faccio questa precisazione,ma quello non è mogano ma è un moganoide,anche se da un qualsiasi rivenditore è dato per mogano,chiedo scusa ma io sono fissato per ste cose :).


Tanto per continuare a fare un po' di "accademia", quali sono
le differenze?
 
Da pacosevenSesso: Uomo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 09:18 #11
 
avatar
HomePage

Registrato: Gennaio 2008

Messaggi: 673

Età: 66

Residenza: blank.gif monti berici

Regione: Veneto

Provincia: Vicenza (VI)

Happy Birthday

Complimenti Albert , grande lavoro , con pochissimi attrezzi e grande manualità....

una domanda : non hai paura di movimenti "in torsione" del manico , vista la venatura?
Ti dico questo perchè Fontanot mi aveva mostrato come i manici in unico pezzo lui li ricavasse da pezzi con venature parallele....
 
Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 15:05 #12
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

Ciao Paco.
Ci sarà all'interno un truss rod doppia azione e la tastiera a contrastare l'eventuale flessione. E per quantpo riguarda la torsione, non mi è mai successo, non dovrebbe quindi muoversi (tocco i famosi   )

____________
Albert

Ultima modifica di Albert il Mar 18 Nov, 2008 15:34, modificato 1 volta in totale

 
Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 15:10 #13
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

3) CONTORNO DEL BODY  E INCASSO DEL MANICO


Finito di scontornare il body con la fresa

8y160056-1

sono passato a rifilarlo  con scalpello,

8y180058

lima

8y180059

e carta vetrata avvolta attorno a un tubo per le curve più ostiche.

8y180060

Sono passato poi alla realizzazione dell’incastro del manico

Per prima cosa ho messo un chiodino sulla linea di mezzeria dello strumento

8y180061

Tirando poi una cordicella sino a un punto predefinito sul centro del manico

8y180062

confermando poi con una riga d’allumino l'allineamento

8y180063

Ho proseguito poi  bloccando il manico in posizione con un morsetto

8y180064

e fissando ai due lati due listelli che faranno da guida alla fresatrice per preparare la sede del manico.

8y180066

Approfondendo sino a ottenere un incastro molto preciso

8y180067

La tavola è stata poi rifilata sui bordi sia davanti che dietro

8y180068

Ed è stata fatta la prova di incastro.

Si inizia a vedere qualcosa di più concreto.

Fine della terza parte

____________
Albert

 
Da African-BlackwoodSesso: Uomo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 15:22 #14
 
avatar
Galleria Personale

Registrato: Dicembre 2007

Messaggi: 1638

Età: 59

Residenza: tanzania.png Napoli, Ischia o Delta del Rufiji

Regione: Campania

Provincia: Napoli (NA)

Decisamente sei un tipo dal "tutorial facile"  
Finalmente la sezione liuteria comincia a movimentarsi  

____________
Have Fun!!

Ciro "Nyagatwa" Marzio



Liutaio e Progettista Audio

 
Da AlbertSesso: Uomo Inviato: Mar 18 Nov, 2008 15:31 #15
 
avatar

Registrato: Mag 2008

Messaggi: 1623

Età: 58

Residenza: australia.png Brescia - Lago di Garda

Regione: Lombardia

Provincia: Brescia (BS)

African-Blackwood ha scritto: 
Decisamente sei un tipo dal "tutorial facile"  
Finalmente la sezione liuteria comincia a movimentarsi  


Già se no tu ed io che ci stiamo a fare in questo forum?  

____________
Albert

 

Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo