Cerco Consigli Riguardo Gommalacca!

Da NicoDjent, 26 Feb 2018.

Risposte 9, Visite 2258

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo

 

Da NicoDjentSesso: Uomo Inviato: Lun 26 Feb, 2018 14:28 #1
 
avatar

Registrato: Febbraio 2018

Messaggi: 8

Età: 23

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Ciao a tutti! È la prima volta che mi avvicino al mondo della gommalacca e spero di non aver causato un danno irrimediabile. Mi spiego meglio: ho un pezzo in noce massello impregnato (non "mordenzato", datemela buona!) con più mani di impregnante all'acqua (2 mani di noce scuro e 3 mani di mogano chiaro, quest'ultimo, però, è un impregnante cerato che mi ha reso il manufatto completamente idrorepellente); tempo fa provai a dare una mano di gommalacca su un pezzo trattato in maniera analoga... Risultato? Probabilmente a causa della mia inesperienza (magari l'impregnante non era asciutto al 100%, purtroppo stiamo avendo giornate fredde e piovose), la gommalacca si è tirata via del colore, rovinando il tutto e costringendomi a ricarteggiare fino a legno grezzo per ricominciare con bagnatura e così via... Ho sentito che dare gommalacca su un impregnante è una cosa che non si fa di solito, ma ho bisogno di turare il poro e di avere una bella finitura lucida che sembri il più naturale possibile (quindi bandite vernice poliuretaniche e simili!)... Ora come ora il pezzo sono certo che sia totalmente asciutto ed ho già dato quattro mani di gommalacca, ma, al posto di tirarsi via il colore, adesso sta lasciando "macchie" opache che cambian sempre di posizione fra una mano e l'altra... Credo sia velatura. Mi sto attenendo alle indicazioni sulla confezione (l'ho presa già diluita in ferramenta), cioè attendere 12 ore fra una passata e l'altra... Forse un po' eccessivo secondo me, ma ho paura di sbagliare facendo di testa mia. Mi hanno consigliato di attendere che sia completamente asciutto per poi carteggiare leggermente con una grana 600 bagnata con acqua e sapone  
 Qualcuno può chiarirmi le idee? Allego foto di un dettaglio del manufatto appena data la quarta mano di gommalacca (prima di questa mano ho aspettato che asciugasse per poi passare leggermente con paglietta d'acciaio 0000 per uniformare un po' il tutto). Grazie a tutti!
28168729_1611640765537721_4921932221995681050_n
 
Da alvin Inviato: Lun 26 Feb, 2018 16:31 #2
 
avatar

Registrato: Marzo 2016

Messaggi: 478

Età: 65

Residenza: blank.gif

Regione: Campania

Provincia: Napoli (NA)

una finitura a mezza cera no?
visto che non sei esperto e non hai chiuso i pori con la pomice ma hai steso uniformemente la gommalacca, (anche troppo diluita secondo me), visto anche che il freddo e l'umido non ti aiuteranno ad ottenere un risultato ottimale, potresti pagliettare tutta la superficie con la paglietta dì'acciaio, spolverare per bene, stendere la cera encausto,o quella che usi di solito, in quantita' minime in modo da non faticare dopo, spazzolarla lungo vena, aspettare che asciughi bene e poi lucidare, anche con lucidatrice o rotoorbitale con cuffia di stoffa senza peli.
il risultato potrebbe piacerti, non sara' brillante come una finitura alla francese ma sicuramente piu' veloce e facile.
 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 27 Feb, 2018 09:06 #3
Capitano
Capitano
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6360

Età: 61

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Io ho avuto l'esperienza che creava delle nuvole opaca. Era dovuto al troppo freddo e troppo umido. Ma la gommalacca è meraviglioso perchè mi è bastato ripassare con gentilezza con solo l'alcol per rimuoverli.

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da NicoDjentSesso: Uomo Inviato: Mar 27 Feb, 2018 12:34 #4
 
avatar

Registrato: Febbraio 2018

Messaggi: 8

Età: 23

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Grazie ad entrambi per le risposte!
alvin ha scritto: 
una finitura a mezza cera no?
visto che non sei esperto e non hai chiuso i pori con la pomice ma hai steso uniformemente la gommalacca, (anche troppo diluita secondo me), visto anche che il freddo e l'umido non ti aiuteranno ad ottenere un risultato ottimale, potresti pagliettare tutta la superficie con la paglietta dì'acciaio, spolverare per bene, stendere la cera encausto,o quella che usi di solito, in quantita' minime in modo da non faticare dopo, spazzolarla lungo vena, aspettare che asciughi bene e poi lucidare, anche con lucidatrice o rotoorbitale con cuffia di stoffa senza peli.
il risultato potrebbe piacerti, non sara' brillante come una finitura alla francese ma sicuramente piu' veloce e facile.

Credo che questo metodo lo utilizzerò in caso di ulteriori problemi con la finitura che sto facendo adesso, grazie per avermene parlato, ma chiude anche meglio i pori?
jhl-verona ha scritto: 
Io ho avuto l'esperienza che creava delle nuvole opaca. Era dovuto al troppo freddo e troppo umido. Ma la gommalacca è meraviglioso perchè mi è bastato ripassare con gentilezza con solo l'alcol per rimuoverli.

John

Credo proverò a fare così se la situazione dovesse permanere... Quanto alcool? Sempre con movimenti circolari ed a otto?
 
Da jhl-veronaSesso: Uomo Inviato: Mar 27 Feb, 2018 18:15 #5
Capitano
Capitano
avatar

Registrato: Ottobre 2010

Messaggi: 6360

Età: 61

Residenza: uk.png

Regione: Veneto

Provincia: Verona (VR)

Tampone solo ad alcool, pressione leggero e passo abbastanza veloce. Giusto per risciogliere la gommalacca e rilasciare l'umidità intrappolata. Si vede quasi subito il risultato. Usa la tecnica che preferisci per applicarlo. Io avevo applicato la gommalacca a pennello quindi usavo un pennello con solo alcool. Serve alcool a 99% che si trova ai Brico, se è rosso lasciala al sole in un contenutore di vetro per qualche giorno e diventa trasparente. Altrimenti Antichità Belsito la vende già trasparente.

John

____________
Più imparo, più dubito.

 
Da NicoDjentSesso: Uomo Inviato: Mar 27 Feb, 2018 21:02 #6
 
avatar

Registrato: Febbraio 2018

Messaggi: 8

Età: 23

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Ho dato un'altra mano qualche ora fa (dopo poco più di 24h dall'ultima) con un tampone imbevuto con qualche goccia di alcool e pochissima gommalacca, solo che questa volta ho usato un po' di olio sulla superficie per rendere il passaggio più liscio. Le macchie d'umidità sembrano essere scomparse a favore dei segni dell'olio che sta salendo in superficie. So che bisogna attendere che lo strato di gommalacca asciughi, buttando fuori tutto l'olio, per poi pulire l'eccesso con un panno pulito. Erro? Spero vivamente di no!
 
Da NicoDjentSesso: Uomo Inviato: Mer 28 Feb, 2018 03:23 #7
 
avatar

Registrato: Febbraio 2018

Messaggi: 8

Età: 23

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

L'olio aveva lasciato dei brutti segni di passaggio del tampone, che sono stati tolti per fortuna da una mano di poco alcool... Tuttavia, i segni precedenti permangono, anzi, ci sono alcuni punti in cui la finitura si è addirittura opacizzata. Ho dato un'altra mano di gommalacca a distanza di 12h dall'ultima fatta con l'olio (questa volta senza quest'ultimo), ma i segni continuano a rimanere. Ho paura di insistere con l'alcool, perché credo correrei troppo il rischio di danneggiare tutto. Cosa mi rimane da fare? Avevo in mente di spagliettare tutto domani e di dare un'ennesima (la settima) mano di gommalacca...
img_0941
 
Da Rino 63Sesso: Uomo Inviato: Mer 28 Feb, 2018 08:17 #8
 
avatar

Registrato: Gennaio 2018

Messaggi: 18

Età: 57

Regione: Emilia Romagna

Provincia: Bologna (BO)

Ciao NicoDjent purtroppo devi ripartire da capo i segni che ci sono non verranno più via ai gia dato troppe mani di gommalacca
io la lucidatura a gommalacca la faccio cosi
preparazione gommalacca 200 grammi gommalacca in scaglie un litro di alcool 99,9 %
un recipiente di plastica o vetro lasciare che la gommalacca si sciolga dopo un paio di giorni
filtrare il tutto io uso per filtrare una calza da donna
questa è la gommalacca base diluita al 20 % di questa ne prendi quanto basta per lucidare
il mobile e la diluisci di un altro 10 % questa è la base di partenza per lucidare il mobile
preparazione del manufatto nel tuo caso sverniciare con apposito sverniciatore
dopo aver sverniciato pulire con uno straccio imbevuto di alcool 99,9% per togliere
tutti i residui di sverniciatore aspettare che il mobile sia asciutto e stuccare se ce ne bisogno
cosa molto importante la gommalacca sofre il freddo per lucidare deve essere in un ambiente che la temperatura non sia sotto i 20 gradi
la prima mano la puoi stendere a pennello o come faccio io a tampone poi aspetti d'inverno 24 ore
(fine 700 inizi 800 aspettavano 1 mese fra una mano e l'altra per lucidare un mobile ci voleva quasi un anno ) ma torniamo a noi poi ci passi carta vetro grana 400 le prime tre mani di gommalacca vanno stese lungo la venatura del legno dopo aver passato la carta pulisci con aspirapolvere e dopo passi un panno carta per togliere i residui poi dai la seconda mano 24 ore poi ci passi paglietta acciaio 0000 oppure quella sintetica che usano i carrozzieri poi diluisci la gommalacca di un altro 5%
e stendi la gommalacca lungo la vena del legno fin che il tampone fa fatica a scorrere mai fermarsi col tampone ed alzarlo devi scivolare fuori dal bordo a questo punto prendi dell'olio paglierino e con un dito fai cadere qualche goccia di olio sul mobile e riprendi a lucidare a questo punto inizi la vera lucidatura con cerchi e otto quante mani devi dare dipende dalla lucidatura che vuoi fare ricorda che dai devi sempre diluire un po la gommalacca ad ogni mano e l'olio che usi lo devi togliere nelle ultime mani di lucidatura ultima mano va usato alcool puro buon divertimento
spero ti possa servire se vuoi fare domande sono qua

Rino
 
Da NicoDjentSesso: Uomo Inviato: Dom 11 Mar, 2018 15:43 #9
 
avatar

Registrato: Febbraio 2018

Messaggi: 8

Età: 23

Regione: Puglia

Provincia: Bari (BA)

Eccomi di nuovo qui ad annoiare gli utenti con i miei soliti problemi con la gommalacca (accidenti!).
Nelle ultime due passate, ho notato che guardando in controluce il manufatto, questo è letteralmente PIENO di quelli che sembrano pulviscoli o microscopiche bollicine. La superficie, tuttavia, è ben liscia ed ha una lucentezza sufficiente, oltre ad avere il poro ormai turato (non ho usato la pomice). Comunque, vi spiego a come sono arrivato al problema: pulizia e carteggio della superficie, con tampone inizio con la prima mano al 15%, quindi seconda a 12.5%, poi due da 10%, tutte con olio quando la superficie iniziava a frizionare, tutte con primo ed ultimo passaggio seguendo la venatura del noce; nelle ultime due mani, il problema ha incominciato a presentarsi... Non ho cambiato ambiente, non ho cambiato metodo, ma il problema si è presentato solo alla fine. Perché? Sono effettivamente pulviscoli (anche se non si sentono affatto solo il dito)? Come posso toglierli e salvare il tutto?
Grazie a tutti della pazienza!
img_1105
 
Da lapinSesso: Uomo Inviato: Dom 11 Mar, 2018 16:23 #10
Nostromo
avatar
Galleria Personale

Registrato: Marzo 2013

Messaggi: 17128

Età: 65

Residenza: italia.png Seregno

Regione: Lombardia

Provincia: Monza e della Brianza (MB)

Visto che si tratta dela prosecuzione dello stesso argomento, anche per facilitare una eventuale ricerca futura, ho unito i tuoi due post in uno solo e cioè quello precedente

____________
Giuseppe.

Yorkshire's proverb:

Do not look in mouth to given horse

 

Precedente Argomenti Recenti Download Discussione Versione Stampabile Segnala via email Successivo