Veritas Low Angle Block Plane - 2

recensioniamanuensiLe Recensioni dell'Arca - L'Arte degli Amanuensi

Veritas Low Angle Block Plane - Parte II - Il Test
Info generali

  • Autori :



  • Data : 09/07/2008


  • Principali Materiali ed Attrezzature impiegate :

    Gli attrezzi oggetto del test

    • Veritas Low Angle Block Plane

    • Accessori Veritas per Block Plane



    Le attrezzature impiegate

    • Calibro Palmer (Micrometro) centesimale per esterni:
      Borletti MEL 1W - 0:25 mm. +/- 0.01 mm. - 20°C

    • Calibro centesimale a quadrante:
      Starrett 1201M-150 - 0:150 mm. - +/- 0.01mm.

    • Righello di precisione in acciaio Inox 0:150 mm. +/- 1mm.

    • Righello di precisione in acciaio Inox 0:300 mm. +/- 1mm.

    • Bilancia digitale 0:5Kg. +/- 1gr.



Il Test


Una delle caratteristiche che prontamente colpisce non appena si impugna la block plane della Veritas è la perfetta ergonomia dell’utensile: il lever cap lucidato nero si adatta in maniera ideale al palmo della mano, risultando confortevole anche dopo un uso intenso.

Il dito indice appoggiato sul pomello anteriore in ottone, leggermente incavato, permette un controllo istintivo ad una mano, con una presa coadiuvata dalle fresature sui fianchi della pialla.

Di queste ultime, solo quelle dal diametro maggiore sono effettivamente utili (il pollice vi trova perfetta collocazione), le altre hanno sostanzialmente una funzione estetica.

Per chi fosse abituato ad una block plane vintage, tipo una stanley 60 1/2, o l’analoga Lie-Nielsen di produzione moderna, immediatamente colpisce il maggior peso e le dimensioni globali superiori a favore della Veritas: l’impressione è quella di avere una piccola smoother tra le mani, più che una classica block plane.

Il peso consistente, alla lunga, potrebbe risultare un po’ stancante qualora la pialla venga usata in configurazione smoother senza l'impugnatura aggiuntiva posteriore (optional).

album_pic

L’impugnatura è quanto mai comoda ed istintiva ...




  • La block in configurazione "normale"

    Per valutare le capacità della block plane, ci siamo serviti di due lame (quella a 25° in dotazione e quella a 38°), e degli accessori previsti come optional.

    La scelta del modello low angle è dettato sostanzialmente da ragioni di versatilità: possedendo il corpo pialla un angolo di seduta a 12°, e potendo montare due lame di ricambio con angoli diversi, la stessa pialla può essere usata in due configurazioni differenti.

    Lavorando lungo-vena, essa è particolarmente piacevole da usare, grazie alle ampie e precise regolazioni della lama.

    Con entrambe le lame (25° o 38°), la pialla si è comportata egregiamente su diversi materiali (mogano, faggio, acero, frassino, noce).
    Colpisce molto favorevolmente la presenza dei sistemi di regolazione presenti anche sulle sorelle maggiori, come il meccanismo tipo Norris di protrusione della lama, ed i grani di registro laterale.
    Anche la bocca è ovviamente regolabile ma manca qualunque sistema di spostamento o aggiustamento della suoletta anteriore, che va spostata manualmente dopo aver allentato il pomello in ottone.

    Non un vero difetto, ma una piccola vite di arresto (come per le sorelle maggiori Bench) almeno avrebbe evitato il pericolo di urtare la lama con la soletta durante le operazioni di aggiustamento.

    La regolazione di protrusione della lama è particolarmente efficace e sensibile.

    Attenzione che il lever cap, verniciato in nero lucido, pur se correttamente posizionato e serrato, può spostarsi durante un uso intenso e/o asportazioni aggressive di materiale, sotto la pressione del palmo della mano, causando il più delle volte il movimento della lama, che va nuovamente regolata.

    Tale caratteristica tuttavia è comune a tutte le block planes di questo tipo e, qualora si preveda di utilizzare la pialla come smoother, è consigliabile montare il pomello posteriore in legno o il manico (entrambi optional).


    Nel taglio di testa, la pialla è risultata particolarmente a suo agio, soprattutto con la lama da 25°: grazie anche alla massa consistente, l’azione è risultata efficace anche su legni esotici molto duri (bubinga e noce Daniela).

    album_pic

    La Veritas in azione nel taglio di testa su un listello di bubinga ...



    Abbiamo usato la pialla anche per registrare e piallare a misura finale, per un perfetto assemblaggio, diversi cassetti con incastri a coda di rondine, situazione nella quale si è dimostrata l’utensile ideale, grazie alle dimensioni perfette per svolgere un lavoro di rifinitura senza stressare la struttura del cassetto già incollato.

    album_pic

    La rifinitura di un incastro a coda di rondine: un compito ideale per la piccola block ...



    Grazie ai fianchi perfettamente a squadra (le misurazioni sono state effettuate su due esemplari diversi), la pialla si presta anche ad utilizzi non convenzionali, come la piallatura di testa con una tavola di piallatura (shooting board).

    Anche in questo caso la pialla si è comportata senza esitazioni di sorta, anche se per tale operazioni troviamo consigliabili pialle di dimensioni e massa superiori (come la low angle jack plane).

    Utilizzando listelli di diversi materiale di spessore contenuto, la pialla tuttavia è riescita egregiamente a svolgere anche questo compito.

    album_pic

    In uso sullo shooting board ...



  • La block in configurazione "smoother"

    Abbiamo montato una lama a 38°, il pomello anteriore in legno e la maniglia posteriore, e testato la block così configurata su un moraletto di faggio evaporato.

    La pialla, come ci si aspettava, è risultata molto maneggevole, facile da "condurre" e da "dirigere", e la piallata dolce e setosa.

    Il maggior peso di questa block, se usata in questa configurazione, come già detto non viene minimamente avvertito dall'utilizzatore, anche per un uso intenso e/o prolungato (magari anche con capacità di asportazione aumentata).

    album_pic

    La block in configurazione smoother in azione su un moraletto di faggio ....


    album_pic

    Un truciolo abbastanza sottile ....




  • La block in configurazione "chamfer"

    Abbiamo lasciato la lama a 38° precedentemente montata, smontato la soletta anteriore mobile, e montato al suo post la "chamfer guide".

    Non abbiamo rilevato problemi di sorta nell'utilizzare la block anche in questa configurazione, ed in poche passate si è ottenuto uno smusso perfettamente a 45°.

    album_pic

    La block in configurazione chamfer in azione su un moraletto di faggio ....


    C'è da dire che, essendo la parte piana del chamfer non allo stesso livello del resto della suola, rientrando in effetti di circa 1 mm. nel corpo pialla e formando così un piccolo scalino, l'ampiezza del quale è evidenziata dalla freccia gialla nella foto (per chiarezza, abbiamo smontato la parte mobile del chamfer)

    album_pic

    Il chamfer forma con la suola uno scalino di circa 1 mm. ...



    per quanto si possa far protendere poco la lama dalla suola, l'asportazione sarà sempre abbastanza aggressiva, ed il truciolo risultante sempre abbastanza spesso.

    album_pic


    Tutto ciò però lo possiamo considerare un vantaggio, dato che la smussatura verrà fatta in un battibaleno.
    Inoltre, dato che la larghezza del materiale da asportare è comunque piccola, la quantità di materiale asportata per ogni passaggio risulterà comunque bassa .

    album_pic

    Il risultato è uno smusso perfettamente a 45° ....





Note Finali

Questa della Veritas si rivela a nostro avviso una delle migliori block low angle oggi disponibili sul mercato, precisa, maneggevole, ben ingegnerizzata, ben costruita e ben rifinita, dall'elevatissimo rapporto qualità/prezzo, per nulla stancante nell'utilizzo anche prolungato, sia nella sua versione "normale" che nella sua versione "abarthizzata" ( o per meglio dire "smootherizzata" ).

Per quest'ultima configurazione, pur essendo di gran lunga aumentata la versatilità della pialla e la sua comodità d'uso, ricordiamoci tuttavia che siamo sempre in presenza di una pialla di dimensioni contenute, il cui utilizzo è da indirizzare prevalentemente verso impieghi di rifinitura.

Sarebbe pertanto preferibile affiancare alla piccola block una smoother pura.


Alle prese con legni di diversa natura, sia "facili" sia a figurazione più complessa, si è rivelata comunque sempre all'altezza della situazione, non smentendo neanche questa volta l'ottima fama di cui godono i prodotti della Veritas.

Che dire, un altro best buy, un altro pieno centro della casa canadese.

Promossa a pieni voti.

album_pic


album_pic



Dove reperirla

La block e gli accessori sono attualmente reperibili sia sul mercato italiano sia sul mercato estero.





Ricordiamo che i prezzi riportati in questa recensione sono puramente indicativi, e corrispondono a quelli vigenti al momento della stesura della stessa.

Nota: la recensione è stata eseguita con pialle nuove, acquistate e di proprietà degli autori.


by ArcaDiLegno - 2008


Visitatore - Ven 22 Gen, 2010 10:55 Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento

 

Tutti i contenuti di questo sito, ove non diversamente indicato, sono coperti da licenza Creative Commons.

cc_88x31