Veritas Low Angle Block Plane - 1

recensioniamanuensiLe Recensioni dell'Arca - L'Arte degli Amanuensi

Veritas Low Angle Block Plane - Parte I - La Tecnica
Info generali

  • Autori :



  • Data : 09/07/2008


  • Principali Materiali ed Attrezzature impiegate :

    Gli attrezzi oggetto del test

    • Veritas Low Angle Block Plane

    • Accessori Veritas per Block Plane



    Le attrezzature impiegate

    • Calibro Palmer (Micrometro) centesimale per esterni:
      Borletti MEL 1W - 0:25 mm. +/- 0.01 mm. - 20°C

    • Calibro centesimale a quadrante:
      Starrett 1201M-150 - 0:150 mm. - +/- 0.01mm.

    • Righello di precisione in acciaio Inox 0:150 mm. +/- 1mm.

    • Righello di precisione in acciaio Inox 0:300 mm. +/- 1mm.

    • Bilancia digitale 0:5Kg. +/- 1gr.



Introduzione

Per lavori di dettaglio eseguiti, di norma, con una sola mano, e relativi a lavorazioni di testa, di costa e di smusso, ma anche di finitura su piccoli pezzi, possono essere utilizzati con profitto dei piccoli pialletti, detti Block Planes, di norma disponibili in due configurazioni, a seconda dell’angolo di seduta della lama:

Angolo di seduta tradizionale, intorno a 20° (detti standard angle block planes)

Angolo di seduta basso, intorno a 12° (detti low angle block planes) .

Entrambi i tipi sono, in genere, dotati di lame aventi configurazione bevel-up.


Inoltre la bocca può essere a configurazione mobile o fissa, a seconda del modello.

Tali pialletti sono oggi facilmente reperibili sul mercato, essendo fabbricati da svariati produttori, quali Lie-Nielsen

album_pic

Una moderna Low Angle Block Plane della Lie-Nielsen, la 60 1/2 ...


Stanley

album_pic

Una Low Angle Block Plane Stanley d'annata, la 60 1/2,
antenata della Lie-Nielsen della foto precedente ...



e Veritas.

Quest'ultima produce, già da alcuni anni, una serie di Block Planes, dall'innovativo disegno e parimenti innovative soluzioni tecnico-costruttive, con diverse configurazioni di seduta della lama e bocca sia ad apertura fissa che variabile.


La produzione della ditta canadese comprende attualmente tre modelli:


  • Apron Plane ( ampiezza bocca fissa, Low Angle Bevel Up)

    album_pic



  • Standard Block Plane ( ampiezza bocca regolabile, Standard Angle Bevel Up)

    album_pic



  • Low Angle Block Plane ( ampiezza bocca regolabile, Low Angle Bevel Up)

    album_pic








Oggetto della presente recensione è la Low Angle Block Plane della Veritas

album_pic






La Tecnica



album_pic

Esploso della Veritas Block Plane ( dal manuale di istruzioni ) ...




  • La Block Plane

    La confezione

    Come tradizione dei prodotti Veritas, la pialla arriva in un robusto contenitore di cartone riciclabile, avvolta in un foglio di carta antiossidazione e con la lama confezionata separatamente.

    album_pic

    I componenti della confezione (il cacciavite Starrett non è compreso)


    Non manca, come al solito, un conciso ma esauriente manualetto di istruzioni (valido sia per la Standard Angle sia per la Low Angle).


    Misure di ingombro

    Questo pialletto risulta essere paragonabile, come dimensioni, alle altre block di simil categoria presenti sul mercato, sia del nuovo che del vintage.

    Il peso viceversa è risultato essere leggermente più elevato.


    • Lunghezza della suola: 165 mm. +/- 1 mm. ( dichiarati: 6 3/8" )
    • Larghezza della suola: 52,10 mm. +/- 0,01 mm. ( dichiarati: 2")
    • Peso : 813 gr. +/- 1 gr. ( dichiarati: 800gr. )



    I Componenti

    Smontata completamente la pialla, essa appare ben ingegnerizzata, composta da pochi ma ben fatti pezzi ( una block plane è una pialla abbastanza semplice costruttivamente )

    album_pic

    La Block smontata nelle sue parti ...



    Il corpo, come solita tradizione Veritas, appare ben costruito.

    La fusione in ghisa sferoidale appare massiccia e ben lavorata, il tradizionale Japanning nero opaco Veritas appare ben applicato, la sede della lama così come le zone di alloggiamento del meccanismo Norris appaiono fresate di precisione e rifinite con cura

    album_pic

    Il corpo ...



    con i fianchi, dotati di tre fresature per migliorare la presa delle dita in fase di utilizzo

    album_pic

    Vista laterale sinistra



    perfettamente a squadra con la suola, ben dritta e liscia.

    album_pic

    La suola



    Come anticipato in apertura, questa block è dotata di soletta anteriore mobile, per regolare finemente l'ampiezza della bocca della lama, a seconda del lavoro che si andrà a svolgere (a bocca più stretta corrisponde minore asportazione di truciolo, a bocca più larga corrisponde maggior aggressività di asportazione).

    L'alloggiamento per la soletta mobile è ricavato mediante fresatura di precisione nella parte antero-inferiore del corpo pialla

    album_pic

    La fresatura per l'alloggiamento della soletta mobile


    e le posizioni estreme della soletta sono dal massimo

    album_pic

    Massima apertura della bocca


    al minimo (bocca completamente chiusa)

    album_pic

    Minima apertura della bocca



    Si noti che, anche al massimo di apertura della bocca, il bordo anteriore della soletta si mantiene arretrato

    album_pic

    N.B. L'apparente dissimmetria è dovuta a distorsione prospettica, non ad un difetto di fabbricazione


    di qualche mm. rispetto al bordo anteriore della suola della pialla.


    Tutto questo non è dovuto ad un difetto, bensì ad una ben precisa scelta progettuale, presa alla luce di proteggere sia la soletta mobile (un eventuale forte colpo preso anteriormente non ha la possibilità di deformarla) che il filo della lama (un eventuale forte colpo preso anteriormente non ha la possibilità di far arretrare, anche se di poco, la soletta, che potrebbe in caso contrario andare a rovinare così il filo della lama: infatti l'apertura di bocca che in genere si usa su queste pialle è la minima possibile, con la soletta che sfiora quasi il filo della lama, dato che l'uso che se ne farà in genere sarà quello di un'asportazione di fino).


    Il lever cap, massiccio, solido, ben costruito, e dotato di rondella di blocco lama in massiccio ottone finemente zigrinato, appare questa volta verniciato non nel solito nero opaco Veritas, ma nero lucido, sicuramente più gradevole alla vista di quello opaco, ma nel contempo più delicato.

    album_pic

    Il lever cap visto da sopra


    album_pic

    Il lever cap visto da sotto


    album_pic

    Vista laterale del lever cap


    La verniciatura industriale a polveri appare perfettamente applicata, e le parti non ricoperte dalla stessa appaiono perfettamente fresate e finemente lavorate.


    La geometria di taglio

    L'angolo di seduta della pialla pari a 12°, in congiunzione con gli angoli di bevel principale (ricordiamo che la pialla lavora con la configurazione della lama Bevel-Up, e quindi l'angolo di taglio dipende dall'angolo di bevel principale della lama, più l'eventuale bevel secondario) di cui sono dotate le diverse lame disponibili per la stessa, vengono a creare i seguenti possibili angoli di taglio:


    • Angolo di taglio pari a 37° ( lama con bevel principale pari a 25° )

      album_pic



    • Angolo di taglio pari a 50° ( lama con bevel principale pari a 38° )

      album_pic



    • Angolo di taglio pari a 62° ( lama con bevel principale pari a 50° )

      album_pic




    La lama

    Come tradizione Veritas, la lama arriva confezionata a parte nel suo scatolino, protetta da una bustina di plastica anticorrosione

    album_pic

    I componenti della confezione della lama



    La lama in dotazione alla block è preaffilata di fabbrica con un bevel principale a 25°, e viene fornita nella versione in acciaio A2, con il dorso già prelappato di fabbrica, pronto per la lucidatura.

    Come al solito, un'affilatura coscenziosa della lama da parte dell'utente

    album_pic

    La lama ha subito un'affilatura di fino ...


    permetterà alla pialla di esprimere il massimo delle prestazioni.

    Lame con bevel principale a 38° e 50° sono disponibili come accessorio presso i rivenditori nazionali ed esteri.


    Abbiamo effettuato dei controlli dimensionali sulla lama in dotazione

    Misura dello spessore ...

    Effettuata tramite calibro Palmer (micrometro) centesimale per esterni Borletti MEL 1W - 0:25 mm. +/- 0.01 mm. - 20°C

    album_pic

    Misuriamo lo spessore della lama


    album_pic





    Misura della larghezza al tagliente ...

    Effettuata tramite calibro centesimale a quadrante Starrett 1201M-150 - 0:150 mm. - +/- 0.01mm.

    album_pic

    Misuriamo la larghezza al tagliente della lama


    album_pic




    Misura della lunghezza ...

    Effettuata tramite righello di precisione in acciaio Inox 0:150 mm. +/- 1mm.

    album_pic

    Misuriamo la massima lunghezza della lama


    album_pic



    Ricapitolando, avremo:

    • Spessore: 3,14 mm. +/- 0,01 mm. ( dichiarati: 1/8" )
    • Larghezza al tagliente: 40,67 mm. +/- 0,01 mm. ( dichiarati: 1-5/8" )
    • Lunghezza: 113 mm. +/- 1 mm. ( dichiarati: N.D. )





    I dispositivi di regolazione della lama

    Sono sostanzialmente due: il meccanismo di regolazione profondità/posizione laterale della lama, e le viti laterali di registrazione .


    Il meccanismo tipo Norris ...

    Come tradizione Veritas, la regolazione dell'avanzamento della lama e la posizione laterale della stessa sono affidate ad un dispositivo tipo Norris:

    album_pic

    Il dispositivo di regolazione della lama tipo Norris


    Infatti tale meccanismo permette, con un sol comando, sia l'aggiustamento laterale della lama, sia la regolazione dell'entità della protusione della stessa dalla suola.

    E' da notare la demoltiplica (attuata mediante una filettatura a doppio passo)

    album_pic


    relativamente al comando di profondità, che in pratica rende micrometrica e molto dolce tale regolazione, ed il pomello di regolazione in ottone finemente godronato, che permette una presa ottimale delle dita in fase di regolazione stessa.


    Le viti di registrazione laterale della lama ...

    La Veritas ha previsto, anche in questo caso, due viti di registro della lama (una per lato)

    album_pic

    La vite laterale sinistra di regolazione centraggio lama vista dall'esterno ...


    album_pic

    ... e dall'interno



    In pratica, una volta trovato il centraggio ottimale della lama tramite il gruppo di regolazione, basta settare le viti affinchè vadano a sfiorare i lati della lama.

    In tal maniera non si modifica il centraggio della stessa quando la si fa, per esempio, avanzare o arretrare, oppure quando la si estrae e poi la si rimonta.

    Qui di seguito una procedura pratica (valida per tutte le pialle Veritas) per la regolazione di dette viti:


    1. Svitare le viti fino al punto in cui la lama entri comodamente nella sua sede.

    2. Regolare il centraggio della lama tramite il gruppo Norris.

    3. Avvitare tutte e due le viti fino a toccare la lama (attenzione a non farla spostare nell'operazione).

    4. Svitare le due viti di pochissimo (meno di 1/4 di giro).



    Si raccomanda vivamente di dotarsi di cacciaviti adatti allo scopo, pena il pericolo di rovinare l'intaglio delle viti o peggio i fori filettati all'interno del corpo pialla.

    Magari un piccolo giravite a taglio, ad esempio con manico in bubinga, a corredo di ogni pialla farebbe comodo.


    L'Ergonomia ...

    Nonostante un peso di 813 gr. sia rilevante per una Block (la Lie-Nielsen 60-1/2, similare per dimensioni e destinazione d'uso, di grammi ne pesa 680 ... ), la pialla appare ben bilanciata e cade bene in mano, e le masse appaiono ben distribuite.

    La parte superiore del lever cap si adatta perfettamente al palmo della mano, mentre utilissime a nostro avviso si son rivelate le 6 fresature sui fianchi (tre per lato), introdotte appositamente per aumentare la presa delle dita sul corpo pialla.

    Tutto ciò si traduce in una profonda sensazione di totale controllo e di assenza di fatica che si ha adoprandola.



  • Gli Accessori

    Per la sua LA Block Plane, la casa canadese ha reso disponibili sul mercato alcuni accessori, che permettono all'attrezzo di estendere le proprie funzionalità.

    album_pic

    La serie di accessori ...



    Gli accessori da noi presi in considerazione nella presente recensione sono:


    • Maniglia verticale posteriore e pomello anteriore

    • Chamfer guide


    Tali accessori, pur non essendo indispensabili al funzionamento della Block, una volta provati si terranno sempre sottomano, pronti ad essere montati, poichè ci si renderà facilmente conto che essi vanno ad aumentare di parecchio la pur grande versatilità della pialla, estendendone utilizzo, versatilità e possibilità di lavorazione.



    • Maniglia verticale posteriore e pomello anteriore

      Mediante il montaggio di questi due utili accessori, la block si trasforma in una piccola ma comodissima smoother low angle

      album_pic

      Proprio una piccola smoother ...


      Utilizzando la pialla con due mani, la senzazione di pur già ottimo controllo viene ulteriormente acuita, laddove serva utilizzare la pialla con capacità maggiori di asportazione, e la forza maggiore occorrente viene perfettamente dosata e distribuita.

      C'è da dire che la pialla, sia in configurazione "normale", sia in configurazione "smoother", è perfettamente bilanciata ed estremamente maneggevole, ed è molto forte la sensazione, in entrambe le configurazioni, di accarezzare il legno, come se la pialla non esistesse proprio.


      Relativamente alla costruzione di questi due accessori, sia la maniglia posteriore

      album_pic



      album_pic



      che il pomello anteriore

      album_pic



      risultano costruiti in bubinga, e risultano solidi e ben rifiniti.


      Comunque, la cura costruttiva profusa si vede anche dal sistema di montaggio del manico posteriore; infatti, mentre il pomello anteriore va semplicemente montato al posto di quello in ottone, la maniglia posteriore ha un doppio sistema di bloccaggio, sia tramite 2 viti ( comprese nella confezione della maniglia verticale ), sia mediante pioli che si incastrano nei corrispondenti fori sul corpo pialla.

      album_pic

      In rosso i fori filettati per l'alloggio delle viti di fissaggio della maniglia ...
      In giallo i fori di incastro per i corrispondenti pioli sulla maniglia ...


      album_pic

      Le viti in sede, pronte per bloccare la maniglia posteriore ...


      album_pic

      La maniglia posteriore montata ...


      album_pic



      album_pic

      Abbiamo montato anche il lever cap, e siamo pronti per una prova su strada ...


      album_pic

      Nonostante la pialla sia piccola, il manico posteriore risulta ben dimensionato, comodo da impugnare anche per una mano robusta ...






    • Chamfer guide

      Tale accessorio serve per trasformare la nostra block in una Chamfer Plane, ossia in una pialla per effettuare smussi precisi a 45° su spigoli, lungo e traverso vena.

      Facilissimo da montare, viene alloggiato al posto della soletta anteriore della pialla.

      Arriva, come del resto la maniglia verticale, in uno scatolino di cartone, ed è corredato di sintetiche ma sufficienti istruzioni di montaggio

      album_pic




      Appare composto da pochi pezzi in profilato di alluminio anodizzato, rifiniti con la solita cura Veritas per i particolari

      album_pic



      Da notare che l'ampiezza dello smusso risulta regolabile posizionando il pezzo mobile

      album_pic


      più o meno accostato alla parte fissa della guida, e bloccando il tutto con le due viti in dotazione

      album_pic




      Semplicissimo da montare, togliendo la soletta mobile della pialla e inserendolo al suo posto.
      Come si può notare, anche montandolo rimane invariata la possibilità di regolare l'ampiezza della bocca della lama.

      album_pic



      album_pic





Nella prossima parte della recensione, effettueremo una prova su strada della block e dei suoi principali accessori .


by ArcaDiLegno - 2008


Visitatore - Mer 09 Lug, 2008 04:25 Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento

 

Tutti i contenuti di questo sito, ove non diversamente indicato, sono coperti da licenza Creative Commons.

cc_88x31