Le Pialle per spianare in Metallo

schedeamanuensiLe Schede dell'Arca - Amanuensi

Le Pialle per spianare in Metallo
Info generali


Introduzione

La pialla per spianare (bench plane) rappresenta uno degli attrezzi indispensabili per la lavorazione del legno.

Tale attrezzo permette di rimuovere trucioli di spessore regolabile e viene utilizzato per spianare la superficie di un pezzo di legno, squadrarne e levigarne i lati alla perfezione.

Generalmente, le pialle per spianare possono essere in legno o in metallo, e queste ultime, in genere, sono dotate di maggiori possibilità di regolazioni.


Le pialle in metallo per spianare sono solitamente costituite da una base in metallo speciale dalla lunghezza variabile a seconda del modello, con una feritoia che permette la fuoriuscita della lama.

album_pic

Schema di una pialla per spianare in metallo



La superficie inferiore della suola è di solito perfettamente piana e liscia, tranne nei modelli corrugati

album_pic

Una pialla con suola corrugata, la Stanley 5C


in cui la stessa è attraversata da incavi lunghi e paralleli atti a ridurre l’attrito nel caso di utilizzo su legni resinosi.


La parte interna della base è solitamente protetta da una vernice resistente (japanning).

I fianchi sono a squadra con la suola. Alla base sono avvitati tutti gli altri componenti.

I manici sono di solito realizzati in legno, o plastica nei modelli più economici e recenti; quello posteriore (tote) ha una forma anatomica per facilitare al meglio una comoda e salda presa.
Quello anteriore (knob) è a foggia di pomello.

Al centro della base è saldamente avvitata la piastra centrale (frog) che ha il compito di supportare la lama.
La piastra centrale montata in sede impone alla lama un’angolazione fissa di 45°, tranne che in rare eccezioni in cui l’angolo è a 50° (york pitch).

album_pic

La piastra centrale (frog)


La piastra centrale rappresenta il cuore della pialla ed è dotata di una serie di meccanismi che permettono fini variazioni della posizione della lama: tramite un pomello posteriore è possibile far scendere la lama verso il basso o l’alto, agendo quindi sulla protrusione della stessa dalla feritoia nella suola.

Tale sistema di regolazione è noto con il nome di Bailey, ed identifica nel linguaggio comune questa tipologia di pialle per spianare.

La piastra di bloccaggio può essere spostata anche in avanti o indietro agendo, dopo aver allentato i perni che la fissano alla base, su una vite di regolazione posta nella parte posteriore; in tal modo, è possibile variare l’ampiezza, con lama in posizione, della feritoia.

Alla sommità della piastra centrale trova collocazione la levetta di regolazione laterale della lama.

Questi sistemi di regolazione permettono di adattare la posizione della lama al tipo di lavoro da eseguire e al tipo di legno da spianare.
Alla piastra di bloccaggio vengono fissati lama e controferro, detto anche rompitruciolo (chipbreaker), che ha la funzione, appunto, di alzare e rompere il truciolo; per legni dolci di solito il controferro viene posizionato ad una distanza di circa 1,5 mm dal fronte del tagliente, ma la distanza viene ridotta in caso di legni duri o per lavori di precisione.

Infine, il gruppo lama e controferro, uniti tra loro da un’apposita vite, sono saldamente fissati alla piastra centrale da una piastra di bloccaggio (lever cap), dotata di una leva a eccentrico che ne permette la rimozione rapidamente.

album_pic

Ferro e controferro (rompitruciolo) sono tra loro connessi da una vite



Le Pialle per spianare in Metallo

Le pialle in metallo per spianare vengono identificate in base alle dimensioni, in base all'angolo di seduta della lama (Standard e Low Angle), e classificate in genere ( per quello ad angolo Standard ) con una numerazione crescente.

Indi vi sono altre pialle di uso più specifico, che non seguono una numerazione progressiva, come per esempio le Block Planes, oppure come le Scrapers Planes.


Di seguito comunque prenderemo in considerazione quelle di maggiore interesse e diffusione.


  • PIALLE TRADIZIONALI AD ANGOLO STANDARD

    Le pialle in metallo per spianare ad angolo Standard vengono identificate in base alle dimensioni e classificate con una numerazione crescente, introdotta dalla Stanley e poi utilizzata dalla maggioranza dei produttori.


    • N°3

      Piccolo pialletto, lungo circa 200 mm, e con lama larga 45 mm.

      album_pic


      Adatto a lavori di precisione e di dettaglio su superfici di piccole dimensioni dove pialle più grandi non potrebbero essere usate.



    • N°4

      Classica pialla lunga 250 mm e lama larga 50 mm.

      album_pic


      Utile per preparare le superfici all’uso di pialle più lunghe e per finiture finali.



    • N° 4½:

      Lunga 255 mm e lama larga 60 mm.

      Grazie alla lama larga e al peso maggiore è una pialla ideale per spianare rapidamente e levigare al meglio ampie superfici.

      album_pic


      Come le sorelle minori 3 e 4, viene definita dagli anglosassoni “smooting plane”.



    • N° 5:

      sgrossino lungo circa 350 mm e lama larga 50 mm.

      album_pic


      Definita anche “jack plane” è una delle pialle più utilizzate, utile per lavori di spianatura, levigatura, rettifica di lati.



    • N° 6:

      Come la 5 è uno sgrossino, ma è lungo 450 mm e lama larga 60 mm.

      album_pic


      Detta anche “fore plane”.



    • N° 7:

      Pialla lunga circa 550 mm e lama larga 60 mm., adatta a rettificare i bordi dei pannelli prima dell’incollaggio e per spianare ampie superfici.

      album_pic


      Nota anche come “jointer plane”.



    • N° 8:

      Come la 7 ma lunga circa 600 mm e lama larga 65 mm.

      album_pic


      Ha le stesse indicazioni della N°7.



    • N° 10:

      Pialla dalle dimensioni simili alla 5 ma con la lama a filo dei lati del corpo adatta a realizzare, all’occorrenza, grosse battute.

      album_pic


      Definita “rebbate plane”.




  • PIALLE AD ANGOLO BASSO ( low angle )

    Tutte le pialle finora prese in esame utilizzano la lama con lo smusso rivolto verso il basso.

    Alcuni modelli sono disegnati per l’utilizzo della lama con lo smusso rivolto verso l’alto ( pialle Bevel-Up ).
    In tali modelli il rompitruciolo è assente, la lama è posizionata con un’angolazione bassa (low angle) di norma intorno ai 12°, e la feritoia di passaggio della lama è regolabile tramite una suoletta anteriore mobile.

    Tipici esempi di tale tipologia sono rappresentati dalle Stanley 62 e 164, ma sono ripresi da produttori moderni come Veritas e Lie-Nielsen.

    album_pic

    Una moderna Low Angle ( Lie-Nielsen )


    album_pic

    Esploso di una moderna Low Angle ( Veritas )




    Grazie al basso angolo di taglio queste pialle trovano indicazione non solo per lavori di spianatura ma anche per la piallatura di pezzi di testa.


    Anche qui possiamo effettuare una suddivisione in base alla grandezza ed al conseguente impiego della pialla.


    • SMOOTH PLANE

      Lunga 250 mm e lama larga 51 mm.
      Assimilabile ad una tradizionale N° 4.

      album_pic

      Una LAS, ossia Low Angle Smooth Plane ( Veritas )


      Adatta anche a squadrare di costa tavole e listelli.



    • SMOOTHER PLANE

      Lunga 254 mm e lama larga 57 mm.
      Assimilabile per certi aspetti ad una tradizionale N° 4½.

      E' una pialla adatta a levigare al meglio e rifinire ampie superfici, specialmente se si tratta di legni con una venatura particolarmente difficile, montando le lame con affilatura a 38°.

      album_pic

      Una BUS, ossia Bevel-Up Smoother Plane ( Veritas )


      E' simile alla precedente, ma più pesante e con i fianchi leggermente convessi nel senso della larghezza.
      Non è quindi adatta a squadrare di costa le tavole.



    • JACK PLANE

      Lunga 377 mm e lama larga 57 mm.
      Assimilabile ad una tradizionale N° 5.

      E' una pialla adatta a levigare e rifinire ampie superfici.

      album_pic

      Una LAJ, ossia Low Angle Jack Plane ( Veritas )




    • JOINTER PLANE

      Lunga 560 mm e lama larga 57 mm.
      Assimilabile ad una tradizionale N° 7.

      album_pic

      Una BUJ, ossia Bevel-Up Jointer Plane ( Veritas )


      E' una pialla adatta a spianare e levigare ampie superfici, ed a squadrare di testa soprattutto se dotata della sua guida laterale.





  • PIALLETTI PICCOLI ( block planes )

    Per lavori di dettaglio eseguiti di norma con una sola mano possono essere utilizzati dei piccoli pialletti (block planes), di norma disponibili in due configurazioni, a seconda dell’angolo di seduta della lama: angolo tradizionale intorno a 20° o angolo basso (low angle) intorno a 12°.

    album_pic


    Entrambi i modelli non hanno rompitruciolo e lavorano con lo smusso della lama rivolto verso l’alto ( Bevel-Up ).


    Un tipico esempio di Block Plane di moderna produzione è questo:

    album_pic

    Una moderna Block plane Low Angle ( Veritas ).


    album_pic

    Esploso della Block plane precedente.



    mentre tipici esempi di Block Planes vintage sono rappresentati dalla Stanley 60½ (low angle)

    album_pic

    La Stanley 60½



    e dalla Stanley 9½ :

    album_pic

    La Stanley 9½.



    Queste piccole pialle sono di norma prodotte in modelli con la bocca fissa e modelli con la bocca regolabile, in cui è possibile variare l’apertura della feritoia di passaggio della lama.



  • PIALLE A SUOLETTA FLESSIBILE ( circular planes )

    La pialla a suoletta flessibile è una pialla lunga circa 250 mm. con suola in metallo flessibile, che può essere modificata per adattarsi a superfici curve.

    album_pic


    Rappresenta la pialla ideale per spianare i bordi di superfici concave o convesse.



  • PIALLETTI PER SGROSSARE ( scrub planes )

    Nella categoria delle pialle per spianare, vanno incluse anche alcuni attrezzi dall’utilizzo particolare.

    Il pialletto per sgrossare (scrub plane) è una pialla di norma di piccole dimensioni, lunga circa 250 mm., con lama larga 35-40 mm con profilo del tagliente arrotondato e feritoia della lama molto ampia.

    album_pic

    Pialletto per sgrossare (scrub plane).


    album_pic

    La suola del pialletto per sgrossare presenta una feritoia con fronte anteriore ricurvo, così come la lama.


    Questa pialla viene utilizzata per la rapida rimozione di materiale, adatta come primo utilizzo su tavole di legno dalla superficie irregolare.

    Le Stanley 40 e 40 ½ ne sono un tipico esempio.



  • PIALLE PER RASCHIARE ( scraper planes )

    Le pialle per raschiare sono delle pialle per spianare particolari, caratterizzate dalla disposizione della lama con un angolo molto alto (60° e oltre), come la Stanley 112 (scraper plane).

    album_pic

    Una Stanley 112


    Trovano indicazione per la lisciatura finale prima della finitura, per lavorare su legni dalla venatura particolarmente figurata e difficile, per rimuovere eventuali segni lasciati dall’azione di altre pialle.



  • RASIERE ( scrapers )

    La rasiera, pur non rappresentando di per sé una pialla vera e propria, può essere inserita tra gli attrezzi per spianare.

    E’ realizzata in metallo sottile ed ha una forma rettangolare o arrotondata per lavorare rispettivamente su superfici piane o concave.

    Viene affilata mediante lima prima, per squadrarne i lati, pietra per affilare (ad olio o acqua) poi ed infine mediante un acciarino ( brunitoio, burnisher ) che permette di creare un ricciolo, che in definitiva rappresenta il tagliente.

    album_pic

    Diverse forme di rasiere e l’acciarino necessario per l’affilatura


    La rasiera viene utilizzata inclinandola in avanti e curvandola leggermente con i pollici, e si rivela particolarmente utile per rimuovere i segni lasciati da altre pialle, irregolarità, piccoli difetti di incollaggio.



Note Finali

Questa scheda, pur non essendo per forza di cose esaustiva, vuole però essere una panoramica abbastanza completa dei tipi di pialle per spianare in metallo di uso più comune in un laboratorio di falegnameria ed ebanisteria.

by ArcaDiLegno - 2007


Edoardo - Sab 29 Dic, 2007 09:03 Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento

 

Tutti i contenuti di questo sito, ove non diversamente indicato, sono coperti da licenza Creative Commons.

cc_88x31